Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Avere un cane fa bene alla salute e allunga la vita

Avere un cane fa bene alla salute ed allunga la vita, in particolar modo quella delle persone single che avrebbero così più possibilità di evitare una morte prematura

di Maria Corbisiero

18 Novembre 2019





Da sempre considerato “il miglior amico dell’uomo”, la compagnia del proprio cane sembra essere di giovamento all’uomo, un miglioramento sia psicologico che fisico. Secondo alcuni studi infatti avere un cane fa bene alla salute e allungherebbe la vita facendo diminuire il rischio di infarto ed ictus.

 

Avere un cane fa bene alla salute e allunga la vita.

 

Avere un cane fa bene alla salute e allunga la vita

Avere un cane fa bene alla salute – Immagine di repertorio, fonte: 123RF.com con licenza d’uso.


 

Ad avallare tale teoria ben due studi effettuati da un unico gruppo di ricercatori svedesi che operano presso l’Uppsala University, il Karolinska Institutet, la Stanford University e la Swedish University of Agricultural Sciences.

Gli studi, entrambi definiti prospettici perché basati sui dati reperiti tramite registri nazionali, avevano come scopo ultimo quello di analizzare l’associazione tra il possedere un amico a 4 zampe e la salute cardiovascolare dei loro padroni.

 

Il risultato ottenuto nelle ricerche è quello anticipato dal titolo di questo stesso articolo: avere un cane fa bene alla salute, soprattutto nei soggetti single che, stando ai dati raccolti, presentano un minor rischio di morte prematura (pari al 33% in meno rispetto ai soggetti single senza cani) e una riduzione dell’11% del rischio di infarto del miocardio.

“Una scoperta molto interessante nel nostro studio è stata che la proprietà del cane era particolarmente importante come fattore protettivo nelle persone che vivevano da sole – spiega Mwenya Mubanga, autrice junior dello studio e dottoranda presso il Department of Medical Sciences and the Science for Life Laboratory dell’Università di Uppsala – un gruppo (i single – ndr) che in precedenza aveva riferito di essere a più alto rischio di malattie cardiovascolari e morte rispetto a coloro che vivevano in famiglie di più persone”.

 

Avere un cane fa bene alla salute: gli studi.

 

Come spiegato nel primo studio, pubblicato il 17 novembre 2017 sulla rivista scientifica online Scientific reports con il titolo “Dog ownership and the risk of cardiovascular disease and death”, gli scienziati svedesi hanno preso in esame i dati di oltre 3,4 milioni di svedesi inseriti nei registri del sistema sanitario nazionale

I soggetti oggetto di questa prima ricerca avevano un’età compresa tra i 40 e gli 80 anni e risultavano essere perfettamente sani (in nessuno di loro era stata riscontrata alcuna patologia nel periodo che precedeva lo studio, ossia prima del 2001).

“I risultati hanno mostrato che i soggetti single, proprietari di cani, avevano una riduzione del 33% del rischio di morte ed una riduzione dell’11% del rischio di infarto del miocardio rispetto ai soggetti single non proprietari di cani. Un’altra scoperta interessante è stata che i proprietari di cani appartenenti a gruppi di razza originariamente allevati per la caccia erano i più protetti” ha spiegato la ricercatrice Mwenya Mubanga.



 

avere un cane fa bene alla salute e allunga la vita

Avere un cane fa bene alla salute – Immagine di repertorio, fonte: 123RF.com con licenza d’uso.


 

Con il secondo studio, pubblicato l’8 ottobre 2019 sulla rivista Aha Journals con il titolo “Dog ownership and survival after a major cardiovascular event”, i ricercatori non hanno fatto altro che riprendere quello precedente aggiungendo però un’ulteriore variabile: hanno analizzato anche i dati dei pazienti di età compresa tra i 40 e gli 85 anni che avevano avuto un ictus o un infarto tra il 2001 e il 2012.

 

Anche in questo caso i dati hanno dimostrato che avere un cane fa bene alla salute. È infatti emerso che:

 

  • I soggetti single infartuati e possessori di un cane avevano un rischio ridotto di morte del 33% mentre coloro che erano sopravvissuti ad un infarto che vivevano con altri familiari (partner o figli) avevano un rischio ridotto del 15%;
  • I soggetti single sopravvissuti all’ictus e possessori di un cane avevano un rischio ridotto di morte del 27%, quelli che non vivevano soli invece avevano un rischio ridotto del 12%;
  • I soggetti proprietari di un cane risultavano avere il 31% in meno di probabilità di morire per infarto o ictus rispetto ai soggetti che non possedevano cani.

 

Avere un cane fa bene alla salute: le conclusioni dello studio.

 

Nonostante tali risultati indichino che avere un cane fa bene alla salute, che possa allungare la vita finanche ridurre il rischio di infarto ed ictus, i ricercatori precisano di aver bisogno di ulteriori studi per poter dimostrare la relazione causa-effetto tra il possedere questo animale e la salute del suo padrone. Potrebbero infatti esserci ulteriori variabili che gli studiosi non hanno preso in considerazione.

“Questo tipo di studi epidemiologici effettuano associazioni in grandi popolazioni ma non forniscono risposte su se e come i cani possano proteggere dalle malattie cardiovascolari. Sappiamo che i proprietari di cani in generale hanno un livello più alto di attività fisica, che potrebbe essere una spiegazione dei risultati osservati. Altre spiegazioni includono un maggiore benessere e contatti sociali o effetti del cane sul microbioma batterico del proprietario”.

È quanto dichiarato da Tove Fall, autore senior dello studio e professore associato di Epidemiology at the Department of Medical Sciences and the Science for Life Laboratory dell’Università di Uppsala, che chiarisce che sì avere un cane fa bene alla salute psico-fisica del suo padrone ma che non si conoscono ancora a fondo le reali cause di tale procurato benessere.

 

Resta indubbio che avere un amico a 4 zampe in casa può giovare a tutti, single e non. Ma attenzione: ricordate che l’animale non è un giocattolo bensì un membro della famiglia a tutti gli effetti e, in quanto tale, ha le medesime esigenze, fisiche ma soprattutto affettive.

 

Fonti: Uppsala University

 

Leggi anche

Seguici