Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Colesterolo, dieta e effetti collaterali delle statine

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Il colesterolo, la dieta e l’uso di statine, sono tre elementi che spesso sono in stretta relazione tra loro.Una nuova ricerca dimostra che una dieta basata su vegetali, noci e alto contenuto di fibre e cereali, è in grado di ridurre significativamente i livelli del colesterolo ...

di Daniele Lisi

24 Agosto 2011





colesteroloIl colesterolo, la dieta e l’uso di statine, sono tre elementi che spesso sono in stretta relazione tra loro.Una nuova ricerca dimostra che una dieta basata su vegetali, noci e alto contenuto di fibre e cereali, è in grado di ridurre significativamente i livelli del colesterolo così detto cattivo, livelli che si sono dimostrati essere anche più bassi rispetto a quelli di un vegetariano, il che significa che i cambiamenti nella dieta potrebbero essere una valida alternativa ai farmaci in genere usati per tenere sotto controllo il colesterolo, le statine, che pur salvando diverse persone possono tuttavia avere degli  effetti collaterali devastanti per altri.

Il più comune effetto collaterale delle statine è il dolore muscolare. Un paziente può sentire questo dolore come dolore diffuso, stanchezza o debolezza nei muscoli. Il dolore può essere un leggero fastidio, oppure può essere abbastanza grave da rendere difficili le attività quotidiane.
Alcune persone potranno ben ricordare come, alcuni anni or sono, si sono avute anche delle morti riconducibili ad un alto dosaggio di statine. Le persone che avevano perso la vita, avevano subito un arresto cardiaco proprio per il devastante effetto che le statine avevano avuto sui muscoli, e il cuore e i muscoli deputati alla respirazione, non erano risultati essere immuni da questi effetti collaterali.

Del resto, la dieta è stata sempre indicata essere la via maestra per ridurre gli alti tassi di colesterolo. Una dieta sana, abbinata alla giusta attività fisica.
Si sa ormai da diverso tempo che un po’ di attività fisica quotidiana è in grado di ridurre significativamente il livello di colesterolo LDL e, al contempo, di incrementare l’HDL, il così detto colesterolo buono, il famoso spazzino delle arterie, che contribuisce ad eliminare il colesterolo cattivo.

statine

Le statine

Tempo addietro, i cardiologi consigliavano ai loro pazienti che avevano superato brillantemente un evento cardiaco negativo, praticamente un infarto, di fare dell’attività fisica e, la quantificavano in almeno 5 chilometri al giorno di camminata a passo normale.



Ora, ormai, si sa che sono più che sufficienti 30 minuti al giorno a passo appena un po’ più allegro, ma  con la raccomandazione che l’impegno deve essere costante, senza saltare mai un giorno e senza, all’opposto, esagerare.
Nelle fredde e piovose giornate invernali, poi, se non si può camminare, si possono fare degli esercizi di ginnastica comodamente al caldo in casa, purchè si facciano tutti i giorni. Basterebbe, per esempio, salire e scendere le scale con calma più volte al giorno, non necessariamente in tempi ravvicinati, ma basta che lo si faccia nell’arco della giornata.

Oggi giorno, poi, vi è anche la possibilità di dotarsi di un tapis roulant, e fare le proprie passeggiate davanti al televisore, mentre semmai si guarda un film o le ultime notizie. Le soluzioni ci sono e sono anche alla portata di  tutti, anche dei più pigri, basta solo volerle adottare.
Per la dieta, poi, se ne è abbondantemente e più volte parlato in queste pagine.
Tuttavia, tanto per riassumere, la regola base è quella di eliminare quasi del tutto i grassi saturi dalla propria alimentazione, e sostituirli con i polinsaturi, che hanno l’effetto diametralmente opposto.

dieta

Una dieta corretta è sufficiente a controllare il colesterolo

Poi, alimenti a basso contenuto di colesterolo come latte di soia, tofu, noci, avena, piselli e fagioli, cereali, verdura e frutta fresca, pesce azzurro, olio extra vergine d’oliva come condimento, e il solito, classico e piacevole bicchiere di vino rigorosamente rosso,  che oltre a  fungere da spazzino delle arterie, ha tante altre ottime virtù.
La dieta e un corretto stile di vita sono più che sufficienti a mantenere il colesterolo sotto controllo. Per gli altri, la genetica o colesterolo molto alto possono significare che la dieta non è sufficiente per ottenere LDL ad un livello sano senza l’aiuto delle statine. Ma si tratta in ogni caso di una minoranza di soggetti. Le statine dovrebbero, comunque, essere sempre e solo l’ultima spiaggia.

Leggi anche

Seguici