Questo sito contribuisce
all'audience di

 

L’utilizzo del lettino abbronzante crea dipendenza?

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); L’utilizzo del lettino abbronzante crea una sorta di dipendenza, almeno è quanto risulta da una ricerca effettuata dai  ricercatori della UT Southwestern Medical Center. Questo potrebbe spiegare perché alcune persone continuano a utilizzare lettini abbronzanti, nonostante l’aumento del rischio di sviluppare un melanoma, la forma più pericolosa ...

di Daniele Lisi

12 Agosto 2011





raggi UVL’utilizzo del lettino abbronzante crea una sorta di dipendenza, almeno è quanto risulta da una ricerca effettuata dai  ricercatori della UT Southwestern Medical Center.
Questo potrebbe spiegare perché alcune persone continuano a utilizzare lettini abbronzanti, nonostante l’aumento del rischio di sviluppare un melanoma, la forma più pericolosa e letale di cancro della pelle. L’attività cerebrale e il flusso sanguigno corrispondente è simile a quello osservato nelle persone dipendenti da droghe e alcol.

L’uso di lettini abbronzanti ha effetti gratificanti sul cervello in  modo tale  che le persone potrebbero sentirsi obbligati a persistere nel comportamento anche se per loro è un comportamento ad alto rischio. Lo afferma Bryon Adinoff, professore di psichiatria e autore senior dello studio disponibile on line.
Circa 120.000 nuovi casi di melanoma sono diagnosticati negli Stati Uniti ogni anno, secondo la Skin Cancer Foundation. Persone di età inferiore ai 30 anni che utilizzano un lettino abbronzante 10 volte l’anno sono otto volte più esposte al  rischio di sviluppare un melanoma maligno. Nonostante la consapevolezza dei rischi che questa pratica comporta, è aumentato anche, si potrebbe dire esponenzialmente, il ricorso al lettino abbronzante per migliorare il proprio aspetto fisico.

Se a questo poi si aggiunge anche il  fatto che, grazie anche alla rarefazione dello strato di ozono, i raggi UV del sole sono più dannosi di una volta, ci si spiega come, l’aumento dei casi di melanoma in tutto il mondo, sia un dato di fatto.

lettino

Lettino abbronzante

Quindi, si potrebbe dire, perché mai sommare a quelli che sono i rischi per l’esposizione naturale ai raggi del sole anche quelli artificiali? Il discorso legato alla dipendenza potrebbe esser la risposta giusta a questa domanda.
In questo studio, i partecipanti hanno utilizzato lettini abbronzanti in due condizioni ben  distinte: una volta sono stati esposti alle radiazioni ultraviolette e un’altra volta  sono stati aggiunti dei filtri speciali che hanno bloccato l’esposizione alle radiazioni ultraviolette.



I partecipanti non sapevano in quale sessione sono stati esposti ai raggi UV e in quale sessione questi erano stati bloccati dai filtri. Ad ogni visita, ai partecipanti è stato chiesto, prima e dopo ogni sessione, di quanto si sentivano più abbronzati rispetto a prima dell’applicazione. Ai partecipanti, inoltre,  è stato anche somministrato un composto che ha permesso ai ricercatori di misurare il flusso di sangue al cervello mentre erano esposti all’azione dei raggi UV.
I risultati sono stati a dir poco sconcertanti in quanto i soggetti esposti ai raggi UV si sono dichiarati più appagati dal trattamento rispetto a coloro che avevano subito un finto trattamento, essendo i raggi UV bloccati ai filtri, pur non essendone a conoscenza.

melanoma

Un melanoma, cancro della pelle

Inoltre, come detto in precedenza,  la rilevazione del flusso sanguigno e dell’attività cerebrale, hanno mostrato delle marcate analogie con quanto viene regolarmente osservato nei soggetti che fanno uso di stupefacenti o alcol.
Le cause di queste modificazioni fisiologiche conseguenti all’esposizione ai raggi UV sono ancora da accertare e studiare,, ma si ritiene che possano essere innescate dalla produzione di ormoni che vengono attivati dall’esposizione.

Questa sarebbe l’ulteriore dimostrazione di quanto alcuni comportamenti siano legati alla sfera della psiche e, quindi, anche il perché del sempre continuo aumento delle persone che ricorrono al lettino abbronzante.
Quindi, bene ha fatto il Ministero della Salute italiano a vietare l’uso delle docce e dei lettini abbronzanti ai minori, che fino a prima dell’entrata in vigore del decreto, erano tra i maggiori fruitori del servizio, con gravi ripercussioni per la loro salute futura, visto che sono ormai più che dimostrati i danni alla salute della pelle che l’esposizione incontrollata e ripetuta ai raggi UV può arrecare.
Come in tutti i comportamenti che ogni giorno ciascuno di noi ha, sarebbe necessario, direi addirittura indispensabile, una certa moderazione. Avere cura della nostra salute non è difficile, basta un po’ di buon senso.

Leggi anche

Seguici