Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Ridurre i cambiamenti climatici fa sicuramente bene alla salute

Ridurre i cambiamenti climatici non può che far bene alla salute, sembra una banalità e forse lo è, ma il fatto che si faccia così poco in questa direzione è decisamente deludente. Uno studio in questo senso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dimostra come la vita odierna, soprattutto nelle grandi città, sia ...

di Daniele Lisi

15 Giugno 2011

climaRidurre i cambiamenti climatici non può che far bene alla salute, sembra una banalità e forse lo è, ma il fatto che si faccia così poco in questa direzione è decisamente deludente.
Uno studio in questo senso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, dimostra come la vita odierna, soprattutto nelle grandi città, sia causa di tante malattie gravi e che, se non si cerca di invertire la tendenza con una certa sollecitudine, si corre il rischio di vanificare i tanti progressi fatti dalla ricerca medico-scientifica.
I principali agenti responsabili dei cambiamenti climatici sono, tra gli altri, i così detti gas serra, che hanno contribuito ad innalzare la temperatura del pianeta, e lo continueranno a fare per diverso tempo ancora, se non si corre ai ripari per tempo.
Nel complesso, le politiche di sviluppo sostenibile in edilizia, trasporti, dell’energia e delle famiglie possono portare dei benefici  per la salute di un certo rilievo e, allo stesso tempo,  di autofinanziarsi in un certo senso. Praticamente,  i potenziali benefici di salute potrebbero determinare un risparmio immediato dei costi sanitari tali da poter rapidamente ripagare gli investimenti effettuati.
Oggi giorno milioni di persone, ogni anno, muoiono per malattie polmonari ostruttive croniche (BPCO) a causa dell’inquinamento dell’aria, cosa della quale siamo in gran parte responsabili tutti noi, a prescindere dalle scelte di politica energetica che il più delle volte siamo costretti a subire.

inquinamento

Inquinamento dell'aria

Infatti, oltre ai veleni che immettiamo nell’aria regolarmente ogni volta che ci sediamo in machina e giriamo la chiavetta d’accensione,  siamo altrettanto poco attenti per quello che riguarda la salute delle nostre case. Speso ci serviamo, per il riscaldamento della nostra casa per esempio,  di strumenti  poco ecologici e che quindi, anche all’interno dei nostri spazi, immettono un certo numero di agenti inquinanti.
La linea di fondo è  ben inutile provare a praticare una dieta sana e stili di vita sani se poi non viviamo in un ambiente anch’esso sano.
Nella vita frenetica di oggi giorno, non tutti hanno tempo o denaro per andare in palestra. Se tuttavia  viviamo in una casa sana e in una città dove si può facilmente e in tutta sicurezza andare al lavoro a piedi o in bicicletta, e fare regolarmente esercizio fisico semplicemente spostandosi  all’aperto, questo può fare un’enorme differenza per il nostro stile di vita e la nostra salute in generale.
Secondo lo studio condotto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’80% delle malattie croniche si verificano nei paesi a basso reddito, dove la crescita urbana è assolutamente disordinata e senza controllo,  caratterizzata inoltre da un’impennata dei volumi di traffico, inquinamento dell’aria e dell’acqua e da una scarsa attenzione verso la sicurezza alimentare. Ma, come dicevamo prima, le malattie respiratorie croniche sono certamente appannaggio delle grandi città dove non si respira aria, ma un cocktail di veleni.
Una rete di trasporti pubblici efficienti, la possibilità di non usare la propria auto a vantaggio di una molto più salutare ed ecologica bicicletta, per esempio, associati con più sana attività fisica, hanno, come vantaggio,

tosse

Malattie dell'apparato respiratorio

minori tassi di mortalità prematura, meno obesità, minor incidenza di patologie legate ad una vita sedentaria che sono, tra l’altro, tutte malattie non trasmissibili.
Bisogna rendersi conto che è giunta l’ora che ciascuno faccia la propria parte, si rimbocchi le maniche e metta in atto dei comportamenti adeguati per essere parte attiva, e non più passiva, nella determinazione della propria salute.
Molte forme di asma e allergie, molte malattie croniche, molte patologie cardiovascolari che in molti casi portano ad un infarto, correlate  il più delle volte  a ondate di calore sempre più intenso  o, comunque, ad escursioni termiche fuori dalla norma,  potrebbero essere via via meno frequenti se si potesse vivere in in ambiente più sano e meno inquinato.

Seguici