Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Medicina estetica, nuova genereazione di ringiovanimento del volto col Biosculpturing

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La nuova metodica di ringiovanimento globale del volto: naturale e duraturo, non richiede bisturi né degenza. Realizzato dal dottor PierPaolo Rovatti, chirurgo plastico estetico che opera a Milano, Verona  e Bolzano, Biosculpturing non è un lifting tradizionale (più invasivo, con ampie cicatrici e maggiori rischi e complicanze), ...

di Redazione TuttaSalute.net

05 Aprile 2011





La nuova metodica di ringiovanimento globale del volto: naturale e duraturo, non richiede bisturi né degenza.

Realizzato dal dottor PierPaolo Rovatti, chirurgo plastico estetico che opera a Milano, Verona  e Bolzano, Biosculpturing non è un lifting tradizionale (più invasivo, con ampie cicatrici e maggiori rischi e complicanze), ma una tecnica di ringiovanimento del volto che  si avvale dell’utilizzo di più metodiche non invasive in un’unica seduta. Si tratta di un trattamento già famoso negli Stati Uniti, che il dottor Rovatti ha importato e modificato secondo il gusto estetico europeo per conferire al volto grande naturalezza e armonia.

PERCHÉ BIOSCULPTURING?

Ormai uomini e donne non chiedono più il lifting” spiega PierPaolo Rovatti.Sempre più spesso le richieste di ringiovanimento del volto si orientano verso tecniche di medicina estetica e di chirurgia mini invasiva. L’idea di creare qualcosa di nuovo è nata dall’esigenza pratica di dare soluzioni anche ai miei pazienti più esigenti, quelli che desideravano esibire un volto giovane senza alterare la fisionomia o apparire innaturali dopo un lifting tradizionale. Dopo essermi confrontato anche con i colleghi del Plastic Surgery Center International di New York, ho trovato la soluzione nel mettere insieme il rimodellamento dei volumi persi nel terzo medio del volto (le guance), mediante l’impiego di  tessuto adiposo e cellule staminali, e  tecniche di resurfacing effettuate con l’ultima generazione di Laser frazionali non ablativi, a livello del terzo inferiore del viso (linea della mascella). L’approccio è sempre personalizzato, a seconda delle necessità e delle richieste del paziente, e sempre in un’unica seduta.”

Armonia è l’obiettivo che il dottor PierPaolo Rovatti persegue: “armonia in un volto che riacquista la freschezza e i volumi delle età più giovani senza esasperazioni, senza inutili rigonfiamenti di zigomi e guance, ma con un miglioramento generale dell’aspetto estetico” sottolinea il chirurgo plastico.



I risultati si mantengono per circa 4-5 anni grazie soprattutto all’impiego delle cellule staminali che, addizionate con fattori di crescita, attivano il processo di ringiovanimento mantenendolo nel tempo. Il trattamento può essere ripetuto parzialmente o completamente negli anni.

COME FUNZIONA

Il Biosculpturing mette insieme differenti tecniche al fine di ottenere il miglior risultato estetico. Il trattamento dura dai 30 ai 60 minuti e deve essere effettuato da un chirurgo estetico in un ambulatorio chirurgico, in anestesia locale o tronculare.

L’effetto di ringiovanimento è già visibile al termine del trattamento; lievi gonfiori e lividi che si riassorbono mediamente in una settimana possono essere presenti dopo la seduta. In base alle tecniche di resurfacing scelte, potrà essere presente una desquamazione cutanea tipo peeling oppure un rossore che si attenuerà anch’esso in circa 7 giorni.

INDICAZIONI

In una settimana i volti di donne e uomini svuotati dall’età, da dimagramenti eccessivi o a seguito di patologie possono ritrovare la pienezza di un viso sano e giovane. “Il trattamento è consigliato dai 35-40 anni e fino a 70” conclude PierPaolo Rovatti. “Va valutato anche in base all’età biologica e cutanea del paziente piuttosto che solo all’età cronologica.

Non è indicato per visi con pelle troppo avvizzita e con un grado di aging (invecchiamento) elevato, per i quali si rende ancora necessario il face lifting tradizionale.

QUANTO COSTA

Biosculpturing ha un costo di molto inferiore al lifting tradizionale, data la sua realizzazione in strutture chirurgiche di day surgery, con tempi chirurgici ridotti e senza costi anestesiologici. L’importo complessivo può variare dai 2.500 ai 6.000 euro a seconda delle tecniche che devono essere utilizzate e che saranno preventivamente concordate con il chirurgo.

Leggi anche

Seguici