Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Ecografia alla Carotide, Che cos’è e a Cosa Serve

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Nel corso del tempo diversi esami medici sono stati sostituiti dall’ ecografia alla carotide, un’ esame rapido e non aggressivo per il paziente.   Grazie all’elevato potere diagnostico l’ ecografia alla carotide offre un giudizio certo ed affidabile.   E’ l’esame maggiormente prescritto per conoscere lo stato dei vasi sanguigni che si ...

di Anna Pannico

21 Febbraio 2017





Nel corso del tempo diversi esami medici sono stati sostituiti dall’ ecografia alla carotide, un’ esame rapido e non aggressivo per il paziente.

 

Grazie all’elevato potere diagnostico l’ ecografia alla carotide offre un giudizio certo ed affidabile.

ecografia alla carotide cosa è

 

E’ l’esame maggiormente prescritto per conoscere lo stato dei vasi sanguigni che si trovano ai lati del collo, la cui funzione è quella di apportare sangue al cervello. Grazie all’ ecografia alla carotide lo specialista è in grado di ottenere informazioni circa la struttura dei vasi sanguigni, la loro capacità di favorire lo scorrimento del sangue e l’eventuale presenza di malformazioni o restringimenti. In caso di anomalie, i risultati offerti dall’ ecografia alla carotide permettono non solo di valutare la gravità della situazione quantificando il rischio di malattie ischemiche , ma anche di definire il giusto trattamento da seguire per migliorare il flusso del sangue.

 

Un’ecografia carotidea dura dai 15 ai 20 minuti, i passaggi sono molto semplici e non generano disagi al soggetto che vi si sottopone. Durante l’esecuzione dell’ ecografia alla carotide lo specialista muove sul collo una sonda ad ultrasuoni, i quali permettono di proiettare su un monitor un’immagine dei vasi sanguigni. Necessariamente vi è un contatto diretto tra la pelle del paziente ed il macchinario utilizzato, ma questo non provoca alcuna forma di dolore e non espone ad effetti collaterali. Il gel che antecedentemente viene spalmato sulla zona interessata, genera una sensazione di fresco.

L’esame è assolutamente innocuo, e data la non invasività può essere ripetuto anche più volte.

 

Inoltre, i risultati sono facilmente interpretabili dal medico specializzato che l’ha eseguito.

 

 



 

L’obiettivo dell’ ecografia alla carotide è ben preciso, per cui anch’essa rientra tra i più importanti esami salvavita.

ecografia alla carotide cosa è

 

Un’ ecografia alla carotide è prescritta per diagnosticare eventuali problematiche in coloro che manifestano chiari sintomi, oppure è consigliata ai soggetti affetti da patologie ben identificate.

L’ipertensione arteriosa, il diabete, il colesterolo, il fumo, l’età  o semplicemente una storia familiare di malattie cardiache, sono i fattori di rischio che necessitano non solo di cure, ma anche di un monitoraggio costante al fine di evitare spiacevoli inconvenienti.

 

 

E’ chiaro che oggetto dell’esame sono le carotidi. Esse sono i due grandi vasi arteriosi situati sul collo, i quali irrigano il sangue al sistema nervoso ed all’apparato facciale mediante una fitta ramificazione. Essendo uno degli organi più sensibili, al cervello deve essere garantito sempre e costantemente un sufficiente apporto di sangue

Interruzioni o riduzioni dovute a stenosi della carotide determinano gravi patologie celebrali (ictus ed ischemie).

Per stenosi si intende appunto il restringimento dell’arteria carotidea con conseguente minor apporto di sangue. La stenosi carotidea può essere trattata in diversi modi a seconda dei casi. Nei casi più gravi potrebbe essere necessario intervenire chirurgicamente, ed in tale fattispecie l’ ecografia alla carotide ricoprirebbe un ruolo fondamentale anche nelle fasi successive all’intervento.

 

 

I fattori di rischio sono comuni e molto diffusi, specie in coloro che sono in età avanzata. Le disfunzioni alla carotide richiedono l’adozione di uno stile di vita più sano, lontano da quei vizi e da quelle abitudini che spesso sottovalutiamo, ma che finiscono per essere dannose al nostro organismo. Spesso infatti, la troppa superficialità prevale sull’importanza di sottoporsi a specifiche visite di controllo. Visti in quest’ottica, anche gli esami come l’ ecografia alla carotide rientrano in quel meccanismo della corretta prevenzione.

Leggi anche

Seguici