Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Un mondo nuovo, una nuova era

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); “New Age”:  nuova era , ciclo storico che dovrebbe iniziare con il terzo millennio. Mondo nuovo, indicato astrologicamente con l’era dell’Acquario. In questa nuova fase, l’uomo abbandonerà la corsa sfrenata alla realizzazione materiale (realizzazione economica e strettamente personale) per rivolgersi invece ad una ricerca profonda del sé ...

di Redazione

04 Aprile 2011





“New Age”:  nuova era , ciclo storico che dovrebbe iniziare con il terzo millennio. Mondo nuovo, indicato astrologicamente con l’era dell’Acquario.
In questa nuova fase, l’uomo abbandonerà la corsa sfrenata alla realizzazione materiale (realizzazione economica e strettamente personale) per rivolgersi invece ad una ricerca profonda del sé fino a raggiungere un elevato sviluppo spirituale. Non esisteranno più guerre, sarà praticata e sviluppata la cultura della non violenza, non esisterà più il razzismo e la discriminazione di qualsiasi genere: uomini e donne di tutti popoli della terra vivranno in armonia e collaborazione. Questo vasto movimento culturale si è sviluppato alla fine degli anni ’60 negli Stati Uniti d’America ed ora, nell’ultimo decennio, si è ampiamente diffuse in Europa. La New Age, non è una religione ma una corrente di pensiero che si propone di individuare le vie attraverso cui l’uomo possa migliorare la propria qualità di vita, rafforza il legame con le forze della natura ed avere uno sviluppo più armonico nel corpo ma anche e principalmente nella propria mente. La filosofia new age trae sicuramente origine da quelle filosofie e pratiche orientali , riscoprendo  così antiche teorie secondo cui l’uomo non ha solo un corpo materiale ma anche uno sottile, ed è sul come giungere alla perfetta conoscenza del corpo sottile che si incentra ogni settore, ogni specializzazione di questa moderna filosofia di vita.
Caratteristica  distintiva  dell’odierna  New  Age  è  che  ogni individuo,  essendo  di  origine  divina,  è  chiamato  a  costruirsi  un  proprio  cammino  spirituale  di  risveglio  (o  di  “ritorno  a  Casa”),  sopratiutto  basandosi  sulla  propria  esperienza  interiore  e  sul  proprio  discernimento  e  sentire  intuitivo.  Anche  l’aiuto  che  può  essere  fornito  al  proposito  da maestri, o guru è    diventata  nel  tempo  una  vera  e  propria  regola  d’oro  Questi  progressi,  pur  di  natura  spirituale,  riguardano  necessariamente  anche  i  piani  materiali  dell’esistenza  e  toccano  i  codici  stessi  della  struttura  fisica.Proprio per questo la New Age  abbraccia volentieri, per esempio, la pratica della meditazione,così come non tralascia la  posizioni yoga che ci insegnano a regolare la nostra energia interna ma anche a sviluppare pratica di un miglior rapporto con il nostro sé ma anche e soprattutto con il mondo che ci circonda.
Occorre dunque e soprattutto aprire dentro di noi i centri di forza, i centri spirituali, rappresentati dai chakra.



Sono questi dei vortici di energia vitale che ruotano velocemente,  sono centri di trasformazione dell’energia, sono livelli coscienziali, da aprire, da passare per non essere intrappolati. Questi centri di coscienza permettono di arrivare a diverse percezioni della stessa situazione a seconda dell’attivazione del Chakra, cioè ad un livello coscienziale alto con una visione più globale e chiara rispetto a quello di livello inferiore .

I Chakra, punti energetici importanti, simboli del tempo ciclico, si visualizzano lungo SUSHUMNA ( canale energetico principaele che scorre nella spina dorsale con Ida e Pingala),ma a in realtà si trovano nel corpo sottile o pranico.

Gli antichi testi indu’ parlano di 88.000 Chakra, uno in ogni punto del corpo, si tiene conto però solo di 7:

muladhara [regione coccigea],svadhistana [regionesacrale],manipura [regione lombare] anahata[regione dorsale],vishuddha[regione cervicale], ajina[tra i due due occhi],sahasrara [ sommità del capo].

Dunque, i primi cinque chakra sono localizzabili nella zona coccigea, sacrale, lombare, dorsale, e cervicale. Il sesto corrisponde alla regione encefalica della ghiandola pineale il settimo alla sommità della testa e il centro della coscienza.

I sette vortici energetici controllano le sette principali ghiandole ormonali del sistema endocrino, quindi possono influenzar le funzioni corporee. Focalizzare l’energia mentale su ogni Chakra significa elevare la coscienza di livello in livello e passare nei vari stadi di evoluzione spirituale ma poiché dei chakra è il centro d’elaborazione principale per ogni funzione del nostro essere, il bloccaggio o una insufficienza energetica nei chakra provoca solitamente disordini nel corpo, nella mente o nello spirito. Un
difetto nel flusso di energia che attraversa un  dato chakra provocherà  un difetto nell’energia fornita alle parti connesse del corpo fisico così come interesserà tutti i livelli dell’essere.

Per una buona salute del corpo, dobbiamo dunque attivare i chakras attraverso mantra,  suoni sacri  e spirituali la cui pronuncia e ripetizione favorisce la meditazione e la concentrazione, ma soprattutto  dovremmo dedicarci alla pratica costante delle con le hasana dello yoga e dei cinque tibetani.

Leggi anche

Seguici