Questo sito contribuisce
all'audience di

 

10 Sintomi del Cancro che la Maggior Parte delle Persone Ignora

Più della metà degli adulti hanno avuto campanelli d'allarme che potrebbero essere correlati al cancro, ma solo il due per cento di loro ritiene che proprio questa malattia potrebbe essere una possibile causa

di Fabiana Cipro

13 Dicembre 2016





Secondo un nuovo studio condotto dal Cancer Research UK, più della metà degli adulti hanno avuto campanelli d’allarme che potrebbero essere correlati al cancro, ma solo il due per cento di loro ritiene che proprio questa malattia potrebbe essere una possibile causa.

cancro prevenzione

I ricercatori hanno inviato un questionario a quasi 5.000 residenti del Regno Unito e lo hanno fatto consegnare dai medici generici ai propri assistiti. Poco meno di 1.800 persone hanno completato il questionario, e cinque sono state eliminate perché gli era già stato diagnosticato un cancro. Hanno chiesto ai partecipanti se, negli ultimi tre mesi, avessero sofferto di una serie di sintomi diversi (alcuni dei quali potrebbero essere i possibili segni di cancro). Nel caso fosse loro capitato, gli è stato chiesto di scrivere che cosa avessero pensato e se si fossero preoccupati. “Non siamo sicuri del perché, ma sembra che ci sia una discrepanza tra ciò che la gente sa e ciò che, invece, pensa quando riguarda loro stessi“, dice Katriina Whitaker, coautrice dello studio e ricercatrice presso l’University College di Londra. “Così, mentre è piuttosto elevata la consapevolezza che molti di questi segni e sintomi possono essere collegati al cancro, pochissime persone parlano di cancro come una possibile causa quando sono loro a non sentirsi bene“.

 

Qui, diamo uno sguardo ai 10 sintomi che i ricercatori considerano bandiere rosse e quindi degne di attenzione. Questi sintomi potrebbero anche non essere nulla, ma i ricercatori dicono che il punto è quello di riconoscere che potrebbero anche essere messi in relazione con il cancro, e quindi chiedere al proprio medico di fare analisi approfondite. Non ci stancheremo mai di scrivere che la prevenzione è l’unica arma che abbiamo per difenderci dal cancro. 

 

1. Tosse persistente o raucedine
Mentre un colpo di tosse ogni tanto è normale e non c’è nulla di cui preoccuparsi, una cacofonia costante o un colpo di tosse accompagnato da sangue è sicuramente motivo di preoccupazione. “La maggior parte dei casi di tosse non sono cancro“, spiega Teresa Bartolomeo Bevers, dottoressa di prevenzione clinica del cancro e direttore del Cancer Prevention Center presso l’MD Anderson Cancer Center. “Ma certamente una tosse persistente deve essere valutata per vedere se possa trattarsi di cancro ai polmoni“. Il medico dovrebbe raccomandare una radiografia del torace o una TAC per escludere il cancro come una possibile causa.

 

2. Variazione delle abitudini intestinali
Quando i movimenti intestinali non sono così facili come erano una volta o le feci appaiono più grandi del normale o un po’ deformate, questo potrebbe essere un segno di cancro al colon, dice la dott.ssa Bartolomeo Bevers. “Potrebbe essere un segno che c’è una massa che sta impedendo il transito delle feci dalle viscere. Questo è un sintomo per cui una persona dovrebbe andare dal medico e pianificare una colonscopia per vedere se effettivamente c’è una massa

 

3. Variazione delle abitudini della vescica
Se c’è sangue nelle urine, potrebbe trattarsi di cancro alla vescica o al rene, ma più comunemente questo è un segno di una infezione delle vie urinarie“, dice la dott.ssa Bartolomeo Bevers. Verificare la presenza di un’infezione, poi perseguire altre opzioni di trattamento.

 



4. Inspiegabile dolore persistente
La maggior parte dei dolori non sono da riferirsi al cancro, ma il dolore persistente deve essere controllato“, dice la Bartolomeo Bevers. “Se avete un mal di testa persistente, ad esempio, è probabile che non si tratti di cancro al cervello, ma è lo stesso qualcosa che deve essere esaminato. Un persistente dolore al petto potrebbe essere un segno di cancro ai polmoni. E il dolore all’addome potrebbe essere cancro ovarico“.

cancro prevenzione

5. Cambiamento nell’aspetto di un neo
Sebbene non tutti i nei sono indicativi di melanoma, la comparsa di un nuovo neo o di uno che è cambiato nella forma e nel colore, è qualcosa per cui si dovrebbe andare da un dermatologo che dopo un’adeguata visita e gli esami del caso può escludere la possibilità che si tratti di cancro alla pelle“, dice la Bartolomeo Bevers.

 

6. Una ferita che non si rimargina
Se avete una ferita che dopo tre settimane non è ancora guarita, dovreste parlarne con il medico. “Il tempo medio di guarigione è quello, se sono trascorse tre settimane e una ferita non si è rimarginata, è bene recarsi subito dal dottore. Questo tipo di problema potrebbe essere un segno di carcinoma“, dice la Bartolomeo Bevers

cancro prevenzione

7. Sanguinamento imprevisto
Il sanguinamento vaginale, al di fuori del normale ciclo mestruale, potrebbe essere un segno precoce di cancro del collo dell’utero, mentre il sanguinamento dal retto potrebbe indicare il cancro del colon“, dice Bartolomeo Bevers.

 

8. Inspiegabile perdita di peso
Da adulti sappiamo bene che è molto difficile perdere peso“, dice la Bartolomeo Bevers. “Ma se il peso è calato senza alcuno sforzo da parte vostra, potrebbe essere indicativo di un serio problema medico. Uno di questi problemi – spiega – potrebbe essere un tumore”.

 

9. Comparsa di un nodulo
Ogni volta che ci accorgiamo di un nuovo nodulo o di uno che sta cambiando, è qualcosa che dovrebbe assolutamente essere esaminato dal medico“, dice la Bartolomeo Bevers. Mentre potrebbe essere una ciste benigna (e probabilmente lo è),  è bene ricordare che “Un nodulo al seno è un sintomo molto comune di cancro al seno“.

 

10. persistente difficoltà di deglutizione
Due tipi di cancro potrebbero essere alla base di questo sintomo. “Le persone che hanno questi sintomi spesso iniziano a modificare le loro diete e a mangiare cibi più morbidi senza pensare ci potrebbe essere un problema più serio“.

 

La cosa importante è che se le persone hanno qualsiasi sintomo persistente, dovrebbero andare al loro medico per un consulto“, ha concluso la dott.ssa Bartolomeo Bevers.

 

NOTA BENE: Questo articolo riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o i consigli del medico, poiché solo il medico può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazioni terapeutiche.

Leggi anche

Seguici