Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come Curare il Corpo Veicolando l’Energia Attraverso i 7 Chakra

I 7 Chakra principali sono molto importanti per il nostro benessere fisico e mentale, possono darci una grande mano d'aiuto se sappiamo la loro funzione

di Fabiana Cipro

22 Novembre 2016





In molte discipline spirituali e di guarigione, e nel mondo della medicina complementare alla parola Chakra si apre un mondo. I 7 chakra sono i centri di energia del nostro corpo in cui scorrono la vita e la salute. La parola ‘Chakra’ deriva dal sanscrito e significa ‘ruota di energia’. Un chakra è come un vortice in cui c’è un concentrato di energia. All’interno del nostro corpo abbiamo sette di questi grandi centri di energia e molti altri più piccoli.

chakra

Si può pensare ai chakra come a delle batterie ricaricabili invisibili.

 

I Chakra si ricaricano attraverso il contatto con il flusso dell’energia cosmica presente nell’atmosfera, più o meno come avviene nella vostra casa che è collegata ad una fonte di alimentazione centrale all’interno di una città – l’unica differenza è che questa fonte di energia cosmica è libera.

 

Immaginate un tubo fluorescente che corre su e giù per la colonna vertebrale, dalla parte superiore della testa alla base della colonna vertebrale. Pensate a questo come alla vostra principale fonte di energia. I sette Chakra principali sono nel centro del corpo e sono allineati con questa “linea di alimentazione verticale”.

chakra

I Chakra collegano il corpo spirituale a quello fisico.

 

I Chakra regolano il flusso di energia tramite il sistema nervoso che attraversa il nostro corpo, è tipo un impianto elettrico per il cablaggio di una casa. Permette alla corrente elettrica di arrivare in ogni stanza, ed è pronto per l’uso, quando necessario.

 

A volte i Chakra si bloccano a causa di stress emotivo o problemi fisici. Se nel corpo il ‘sistema energetico’ non può fluire liberamente è probabile che si verifichino problemi. La conseguenza del flusso di energia irregolare può provocare malattie fisiche e disagio o dare la sensazione di essere mentalmente ed emotivamente instabili.

chakra

Settimo Chakra – Sahasrara
Il suo colore è il viola e si trova nella parte superiore della testa. E’ associato alla corteccia cerebrale, al sistema nervoso centrale e alla ghiandola pituitaria; è interessato alla comprensione, all’accettazione e alla beatitudine. Si dice che sia il proprio luogo di connessione con Dio. Il suo blocco può manifestarsi con problemi psicologici.

 

Sesto Chakra – Ajna (detto anche il terzo occhio)

 



Il suo colore è l’indaco (una combinazione di rosso e blu). Si trova al centro della fronte al livello degli occhi o leggermente al di sopra. Questo Chakra è utilizzato per mettere in discussione la natura spirituale della nostra vita. E’ il Chakra della domanda, della percezione e della conoscenza. Si occupa della visione interiore, dell’intuizione e della saggezza. Il suo blocco può manifestarsi con problemi come la mancanza di lungimiranza, rigidità mentale, memoria ‘selettiva’ e la depressione.

 

Quinto Chakra – Vishuddha

 

Il suo colore è il blu o turchese e si trova all’altezza della gola. E’ il Chakra della comunicazione, della creatività, dell’espressione di sé e del giudizio. Sul piano fisico corrisponde alla tiroide, che scandisce il tempo interno della crescita e del metabolismo. Il suo blocco può manifestarsi con difficoltà ad esprimere le proprie idee, blocchi della creatività, eccessiva timidezza.

 

Quarto Chakra – Anahata

 

Il suo colore è il verde ed è il Chakra del cuore. E’ il centro dell’amore, della compassione, dell’armonia e della pace. Gli asiatici dicono che questa è la casa dell’anima. La ghiandola endocrina associata a questo Chakra è il timo, e questo centro energetico regola le attività dei polmoni, cuore, sistema circolatorio e respiratorio. La chiusura o il blocco di questo Chakra può manifestarsi con l’incapacità di esprimere amore, con la mancanza di compassione, e con il rifiuto di ricevere manifestazioni di affetto, o di farsi toccare.

 

Terzo Chakra – Manipura

 
Il suo colore è il giallo ed è situato sopra l’ombelico nella zona del plesso solare. Questo Chakra riguarda la digestione, i muscoli, il pancreas e le ghiandole surrenali. E’ la sede della nostra vita emotiva. Sentimenti di potere personale, risate, gioia e rabbia sono associati a questo centro. La nostra sensibilità, l’ambizione e la capacità di raggiungere degli obiettivi è situata qui. Il suo blocco può manifestarsi con rabbia, frustrazione, mancanza di direzione o un senso di vittimismo.

 

Secondo Chakra 2 – Svadhisthana

 

Il suo colore è l’arancione e si trova tra la base della colonna vertebrale e l’ombelico. E’ associato con il basso addome, reni, vescica, sistema circolatorio e gli organi riproduttivi. Questo Chakra rappresenta il desiderio, il piacere, la sessualità, la procreazione e la creatività. L’energia del secondo Chakra è associata alle gonadi (ovaie per le donne, testicoli per l’uomo), ed è responsabile della salute di genitali, reni, vescica, prostata, sistema circolatorio, denti, e ossa. Il suo blocco può manifestarsi con problemi emotivi, comportamento compulsivo ossessivo e senso di insoddisfazione sessuale.

 

Primo Chakra – Muladhara

 

Il suo colore è il rosso e si trova nella zona del perineo, alla base della colonna vertebrale. E’ il Chakra più vicino alla Terra ed è collegato ai bisogni primari come l’avere una casa, un lavoro e alla sopravvivenza fisica. Questo Chakra è associato alle gambe, piedi, ossa, intestino crasso e ghiandole surrenali. Un blocco del primo chakra potrebbe manifestarsi con una sensazione di insicurezza, scarsa fiducia in se stessi, apatia, eccessiva preoccupazione e paura di perdere ciò che ci da sicurezza e senso di benessere. Si può anche manifestare con eccessi di rabbia, aggressività, collera, gelosia, violenza o atteggiamento difensivo.

 

NOTA BENE: queste informazioni non hanno alcuna base scientifica. Per i problemi di salute è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante.

Leggi anche

Seguici