Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come (e Cosa) Cucinare Per Dimagrire

Oltre che la scelta degli alimenti è importante il metodo di cottura che deve essere quello in grado di cuocere gli alimenti stessi nel minor tempo possibile così da preservarne le caratteristiche organolettiche.

di Daniele Lisi

02 Novembre 2016





Pentola a pressioneCome e Cosa Cucinare Per Dimagrire, fare le scelte giuste non solo consente di non mettere su qualche chilo di troppo, ma anche di eliminare in maniera quasi indolore e un poco alla volta quelli di troppo. Bisogna comunque avere la consapevolezza che per mantenersi in perfetta forma fisica non è possibile limitarsi solo a fare le scelte giuste in cucina, è necessario praticare con regolarità un po’ di attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare, quindi jogging, corsa, camminata veloce, cyclette, almeno 5-6 volte alla settimana con sedute di almeno 30-40 minuti. Pensare di fare un po’ di corsa solo la domenica mattina non serve a niente, è sbagliato, in quanto l’organismo che non è abituato a questi sforzi, potrebbe anche risentirne negativamente. Detto questo che, anche se superfluo, era una precisazione necessaria, è importante fare le scelte giuste quando si mangia, non solo per quanto riguarda gli alimenti, ma anche per il metodo di cottura adottato. Bisogna poi eliminare, o almeno ridurre drasticamente, tutti gli snack che di buono hanno solo il sapore, mentre per la salute rappresentano un vero attentato, così come le bevande gassate e zuccherate, gli alimenti precotti, quelli in scatola e così via, la lista sarebbe forse troppo lunga.

La dieta migliore da adottare è quella mediterranea, la dieta che tutto il mondo ci invidia, che ci ha cresciuti, che ha cresciuto i nostri genitori e i loro ancor prima. Una dieta che, tra l’altro, prevede un consumo assai limitato di carne, la rossa in particolare, non più di 4-5 volte al mese, come del resto raccomandato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS. Quindi largo a frutta e verdura, ai legumi, anche alle uova ma con moderazione, al pesce azzurro ricco di omega3, alla frutta secca, agli alimenti integrali, ai semi oleosi, all’olio extravergine di oliva, ai formaggi magri e così via.



Spaghetti al denteAltrettanto importante è il metodo di cottura che deve essere quello in grado di cuocere gli alimenti nel minor tempo possibile così che questi perdano il minor numero delle loro sostanze come le vitamine, Sali minerali e i tanti principi attivi di cui sono in molti casi ricchi. La pasta, per esempio, deve essere sempre al dente in quanto non solo è più facilmente digeribile e anche più buona, ma anche e soprattutto perché influisce meno sul livello di glicemia nel sangue, indice glicemico che invece cresce man mano che si allunga il tempo di cottura.

Il modo migliore per cuocere le verdure è quello al vapore, e in questo caso la pentola a pressione si rivela essere la scelta migliore. Le pentole di questo tipo moderne sono ormai più che sicure, non rappresentano più un pericolo, e hanno il vantaggio di consentire la cottura in un tempo decisamente minore, molto più che dimezzato, con conseguente utilizzo di poca acqua, senza che vitamine e Sali minerali vengano dispersi. Le caratteristiche organolettiche degli alimenti sono in tal modo preservate, così come anche le tante altre proprietà di cui sono ricche molte verdure.

Le verdure si possono cuocere al vapore anche nel forno a microonde, altro piccolo elettrodomestico che ormai è molto più che sicuro. Si utilizza poca acqua e pochissimo tempo, cosa che consente di preservare tutte le sostanze in esse contenute. Il pesce può essere cotto al vapore, all’acqua pazza o, meglio ancora, al cartoccio, cottura che consente di preservare le varie sostanze oltre che ad esaltarne il sapore.

Come condimento, oltre al solito olio extravergine di oliva, è meglio prediligere le spezie piuttosto che il sale, nemico della salute, spezie che in molti casi, oltre che a conferire alle pietanze un gusto spesso anche entusiasmante, sono una vera miniera di eccellenti Speziesostanze che le rendono delle vere amiche della salute, come ad esempio la ormai più che famosa curcuma, il peperoncino, l’aglio, e così via.

Infine la frutta, meglio se consumata con la buccia, dove possibile ovviamente, come le mele e le pere, perché la buccia è ricca di fibre e contribuisce ad abbassare l’indice glicemico, oltre ad essere più saziante.

Leggi anche

Seguici