Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perché l’Ansia Potrebbe Essere la causa del Mal di Stomaco?

C'è una patologia che affligge il nostro stomaco e che potrebbe essere proprio riconducibile all'ansia

di Fabiana Cipro

29 Agosto 2016





L’ansia, lo stress, l’eccessivo nervosismo e la vita frenetica che conduciamo potrebbero trovare una ‘valvola di sfogo’ proprio nel nostro stomaco. Sappiamo molto bene visto che ve ne abbiamo parlato in altre occasioni, come il nostro corpo riesca a somatizzare e quindi a manifestare con disturbi di tipo organico e funzionale ogni piccolo ‘fastidio’ che ci affligge.

Dispepsia Funzionale

Esiste una patologia che riguarda il mal di stomaco e che alcuni medici ritengono potrebbe, tra le altre cause, derivare anche all’ansia. Si tratta della Dispepsia Funzionale, detta anche Dispepsia non ulcerosa. Circa una persona su dieci manifesta questo disturbo e sono prevalentemente le donne a soffrirne.

 

I sintomi più comuni potrebbero per l’appunto essere scatenati dall’ansia, ma anche anche dallo stress, dalle preoccupazioni e dai dispiaceri, e manifestarsi con crampi, gonfiore, bruciori (pirosi), rigurgito acido, bocca amara, vomito, nausea, digestione lenta, flatulenza e dolore epigastrico, cioè localizzato nella parte alta dell’addome.



Dispepsia Funzionale

Cosa fare in questi casi? Ovviamente rivolgersi al medico è la prima cosa da fare. Lui si preoccuperà di verificare se ci sono cause organiche e agirà di conseguenza. Nel caso di dispepsia funzionale cronica si ricorre a farmaci che agiscono sul sistema nervosoansiolitici (benzodiazepine) o antidepressivi a bassi dosaggi.

 

Alimenti ricchi di grassi, cioccolato, caffè, menta, alcolici possono aggravare la situazione, così come le sigarette. Condurre uno stile di vita sano e fare un po’ di esercizio fisico può aiutarvi ad ottenere un po’ di sollievo. Qui trovate degli ottimi rimedi naturali per combattere l’ansia, potrebbero essere il primo passo verso una vita decisamente migliore!

NOTA BENE: Questo articolo riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o i consigli del medico, poiché solo il medico può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazioni terapeutiche.

Leggi anche

Seguici