Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Giramenti di Testa Improvvisi, Potrebbe Essere la Malattia di Menière se…

Si tratta di una anomalie dell’orecchio che provoca diversi sintomi e che colpisce di norma un solo orecchio, raramente entrambi.

di Daniele Lisi

29 Luglio 2016





sindroma di meniereGiramenti di Testa Improvvisi, Potrebbe Essere la Malattia di Menière, che in alcuni casi potrebbe portare anche alla sordità. Ma cos’è la sindrome di Menière? Si tratta di una anomalie dell’orecchio che provoca diversi sintomi e prende il nome dal medico francese Prosper Ménière che la descrisse per primo nel lontano 1861. Questa anomalia, di norma, colpisce un solo orecchio e, in alcuni casi, può portare addirittura alla sordità, e si presenta con vertigini improvvise, nausea, sudorazione, vomito, diarrea, disturbi addominali, sensazione di pressione anomala all’interno dell’orecchio, ronzio, perfino dolore in alcuni casi, mal di testa, ed è causata dalla differenza di pressione dei fluidi che si trovano nel labirinto, che fa parte dell’orecchio medio. Questi sintomi si presentano all’improvviso e possono essere anche intensi e di una certa durata. Bisogna quindi non sottovalutare questi sintomi, in particolar modo se si presentano con una certa frequenza e se non sono isolati, ovvero se se ne presentano un certo numero in concomitanza. In questi casi è bene consultare con una certa urgenza il proprio medico che, dopo una attenta anamnesi, non potrà che consigliare una visita specialistica.

Le cause di questa anomalia, come spesso accade, non sono ancora del tutto note, ovvero non esistono certezze, tuttavia si ritiene che possa trattarsi di un problema genetico ma anche di una anomalia indotta dall’inquinamento acustico, una delle piaghe di questi tempi. Ma cosa accade nell’orecchio quando si soffre di questo problema? Come detto in precedenza l’anomalia interessa il labirinto, che è poi il centro dell’equilibrio, e il problema si presenta quando si mescolano tra loro due fluidi diversi e questo determina un aumento della pressione e anche una compromissione dell’udito.Come tutte le anomalie di natura genetica, anche la Malattia di Menière non è affatto semplice da trattare.



OrecchioInfatti, come è facile immaginare, non esiste una cura specifica, ovvero non esiste alcun farmaco in grado di ridurre la pressione che si genera all’interno del labirinto che, lo ricordiamo, è la parte dell’orecchio deputata alla gestione dell’equilibrio, ecco infatti spiegate le vertigini e la nausea. Si tratta di una malattia, o meglio di una anomalia che in alcuni casi può assumere i connotati di una patologia invalidante, quando il paziente è affetto da vertigini continue, cosa non frequente, ma comunque niente affatto rara. È facile immaginare quanto una condizione del genere possa influire sulla vita e sulle attività di tutti i giorni che sarebbero fortemente compromesse.

In assenza di una cura specifica è necessario cercare di controllare i sintomi e per far questo è necessario ridurre drasticamente la ritenzione idrica, cosa che è possibile ottenere solo modificando la dieta di tutti i giorni, a partire dal sale che, se non proprio eliminato, andrebbe limitato al massimo. Una soluzione è quella di sostituire il sale con le spezie, molte delle quali inoltre sono dotate di proprietà che le rendono delle vere amiche della salute, a partire dal peperoncino, la curcuma, il curry, e così via. Inoltre sarebbe opportuno eliminare il fumo, sia quello diretto che passivo, e limitare drasticamente il consumo di alcolici.

Per i pazienti che soffrono di vertigini continue, quelli che vedono seriamente compromessa la loro esistenza, si potrebbe anche ricorrere all’intervento vertiginichirurgico. Infatti, dal momento che la Malattia di Menière colpisce solitamente un solo orecchio, molto raramente entrambi, è possibile procedere alla rimozione del labirinto o alla separazione del nervo dall’organo colpito, intervento che rimuoverebbe il problema, tuttavia si tratta di una soluzione che, come consigliano i medici, va presa solo come estrema ratio. In alternativa è possibile effettuare delle infiltrazioni locali di gentamicina direttamente nell’orecchio medio, un antibiotico, soluzione che comunque non risolve il problema.

Leggi anche

Seguici