Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Debolezza e Spossatezza? Se il Caldo ti Toglie le Forze Segui Questi Consigli

Un frutto in assoluto, l'anguria, è quello che meglio di altri riesce a dare sollievo, perché è un vero concentrato di ottime proprietà amiche dell’organismo e della salute.

di Daniele Lisi

12 Luglio 2016





Mangiare anguriaDebolezza e Spossatezza? Se il Caldo ti Toglie le Forze Segui Questi Consigli e ritroverai la forma perduta. Il caldo va affrontato con decisione perché le conseguenze per la salute possono, in alcuni casi anche se rari, essere veramente devastanti. È necessario quindi proteggersi con tutti i mezzi a disposizione, a partire dall’alimentazione per finire all’abbigliamento che deve esser anch’esso in grado di contrastare la calura estiva. Se si mettono in atto alcuni piccoli accorgimenti, è possibile limitare l’effetto del caldo che, per alcuni soggetti, può risultare veramente pericoloso. Gli anziani e i bambini molto piccoli sono coloro che meno di tutti sono in grado di affrontare il caldo eccessivo, per cui è necessario mettere in atto tutte le misure disponibili per limitare drasticamente i rischi legati all’eccessiva calura. Vi sono poi anche i soggetti portatori di alcune malattie croniche, come i cardiopatici ad esempio, o coloro che assumono dei farmaci contro la pressione alta o dei vasodilatatori. Il caldo è a sua volta un vasodilatatore, per cui questi pazienti dovrebbero essere particolarmente attenti, perché altrimenti potrebbero anche andare incontro a problemi di una certa gravità.

Del resto, ogni anno nei mesi estivi si registrano dei decessi per il caldo, e considerando che il clima sta cambiando e che la temperatura media, quindi anche quella estiva, è sempre più elevata, è bene prendere le misure necessarie per limitare i rischi. Prima il clima sul mediterraneo era regolato dall’Anticiclone delle Azzorre che quindi assicurava un clima caldo ma non torrido, mentre ora a farla da padrone è sempre più spesso l’anticiclone africano, che evidentemente ci costringe a convivere con temperature decisamente più elevate, e anche per periodi di tempo più lunghi, tuttavia con un po’ di attenzione è possibile limitare i danni.



AnguriaIn primo luogo l’alimentazione, cosa è meglio mettere in tavola quando fa caldo per contrastare efficacemente i danni, o anche solo i tanti disagi, che la calura potrebbe provocare. Un frutto in assoluto, l’anguria, è quello che meglio di altri riesce a dare sollievo, perché è un vero concentrato di ottime proprietà amiche dell’organismo e della salute, a fronte di pochissimi zuccheri che in questo periodo sarebbe meglio limitare. È composto per il 95% di acqua, per cui aiuta a recuperare facilmente, e con gusto ovviamente, i liquidi che si perdono con la sudorazione, cosa molto importante in particolar modo per le persone che più di altre ne hanno bisogno.

Gli zuccheri contenuto nell’anguria sono veramente trascurabili, solo 3,7 grammi per 100 grammi di prodotto, e quindi anche le calorie sono veramente irrilevanti, solo 16 calorie, sempre per 100 grammi di prodotto. In compenso l’anguria è ricchissima di potassio, un aiuto per il cuore, i muscoli e l’organismo in generale, ben 280 mg per 100 grammi di prodotto, è infine è ricca di fibre che favoriscono la digestione e sono importanti per regolare le funzioni intestinali che, soprattutto nei mesi estivi, devono essere particolarmente curate per essere sempre in perfetta forma.

Una bella fetta di anguria fresca aiuta quindi a contrastare il caldo, è dissetante, è saziante, per cui aiuta anche a mantenersi in perfetta forma. Ovviamente l’anguria da sola non basta, per cui è necessario, in particolar modo nel periodo estivo, adattare il regime alimentare alle esigenze stagionali, per cui largo a frutta e verdura che devono essere le protagoniste della tavola, niente piatti elaborati, così come niente bibite zuccherate, che in questo periodo vengono invece prese d’assalto per cercare di dissetarsi. Meglio l’acqua naturale, semmai con l’aggiunta di Rinfrescarsiqualche limone, per aggiungere anche una certa quantità di vitamina C.

Infine l’abbigliamento, che deve essere fresco, a base di tessuti che consentono una naturale traspirazione, evitare i luoghi assolati e particolarmente caldi, in particolar modo nelle ore più calde della giornata, e se si è soliti praticare dell’attività fisica, limitarla in questo periodo, o praticarla solo se si è in un luogo fresco e nelle ore più fresche della giornata.

Leggi anche

Seguici