Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Mal di testa, Attacca una Molletta in Questo Punto ed il Dolore Passerà

Le zone sensibili del padiglione auricolare, quelle che se stimolate producono quei neurotrasmettitori che poi avranno un effetto positivo su diversi punti dell’organismo, sono diverse.

di Daniele Lisi

29 Giugno 2016





Riflessologia auricolareMal di testa, Attacca una Molletta in Questo Punto ed il Dolore Passerà come per incanto. Sarà vero? C’è chi giura di si, del resto basta provare per verificare l’esattezza di questa affermazione. Il punto nevralgico del corpo umano sarebbe l’orecchio, o meglio il padiglione auricolare composto per lo più di cartilagine, ma sede di una infimità di terminazioni nervose, i così detti punti riflessi che, se stimolati correttamente, sono in grado di rilasciare neurotrasmettitori che collegano tra loro varie parti del cervello e quindi possono a loro volta essere collegate anche ad altrettante zone del corpo umano. Insomma, la chiave per risolvere il mal di testa, così come anche altre forme antalgiche che possono colpire altre parti del corpo e anche organi, è l’orecchio, il padiglione auricolare che se stimolato correttamente e nel punto giusto si rivela di grande aiuto in tante situazioni. E per stimolare la parte giusta dell’orecchio non vi è nulla di meglio di una molletta, una di quelle utilizzate per stendere i panni ad asciugare al sole, insomma un semplice oggetto che si rivela quindi utile anche per far passare un fastidioso mal di testa.

Sarà vero, ci chiedevamo all’inizio, sembra di sì, del resto basta provare per togliersi il dubbio, tanto una molletta sull’orecchio, nella peggiore delle ipotesi, non potrà fare alcun danno. Le zone sensibili del padiglione auricolare, quelle che se stimolate producono quei neurotrasmettitori che poi avranno un effetto positivo su diversi punti dell’organismo, sono diverse, come si vede dalla foto allegata, ma ne prendiamo in esame solo sei, ovvero quelli su cui è possibile intervenire facilmente da soli, e ciascuno di essi corrisponde ad una determinata parte del corpo. Si tratta di riflessologia auricolare, una terapia poi non tanto peregrina, tutt’altro, come lo sono del resto anche la riflessologia plantare e quella della mano, per cui non va snobbata a priori, poi, basta provare.



Punti orecchioDel resto, non è necessario trascorrere ore della giornata con le mollette dei panni appese all’orecchio, basta solo un minuto al giorno per trovare sollievo e per risolvere il problema. Per il mal di testa, per esempio, il punto in cui applicare la molletta è quello contraddistinto in foto dal numero 6, che poi sarebbe il lobo del padiglione auricolare. Il punto 6, se stimolato, non ha effetti positivi solo sulla testa, come appunto far passare il dolore, ma è associato anche al cuore che a sua volta dovrebbe trarne non pochi benefici.

Ripartendo dall’inizio, il punto contraddistinto in foto dal numero 1 corrisponde alla schiena e alle spalle. Se si hanno dolori che interessano queste parti del corpo, una molletta applicata per una sola ora al giorno in quel punto è in grado di promuovere la produzione di quei neurotrasmettitori specifici che possono portare sollievo in quella parte dell’organismo. Per stimolare gli organi interni e per favorirne la guarigione il punto da stimolare è il numero 2. Le articolazioni che spesso sono doloranti per una serie di motivi possono trovare giovamento si si stimola il punto indicato con il numero 3.

Restano i punti 4 e 5. Il primo dei due, il quattro per la precisione, se stimolato correttamente agisce su gola e seno, quindi alleviando il dolore, ma anche Molletta orecchioaiutando l’organo a guarire. Infine il punto 5 che è collegato allo stomaco, per cui stimolandolo nel modo giusto è possibile agire sulla digestione, sul mal di stomaco, su tutti quei disturbi che riguardano quest’organo. Infine, è possibile fare anche un piccolo test per verificare se vi è qualche punto del corpo che non gode di ottima salute. Se stimolando uno di punti dell’orecchio si avverte un dolore più intenso vuol dire che quella parte del corpo corrispondente è in quel momento più bisognosa di attenzioni. Provare per credere.

Leggi anche

Seguici