Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Sciatica, 15 Minuti di Questa Posizione e il Dolore Scomparirà all’Istante

A parte la terapia farmacologica di rito vi sono alcune posizioni yoga che possono aiutare a far passare il dolore, certamente non a guarire in quanto non sono in grado di far passare l’infiammazione.

di Daniele Lisi

27 Maggio 2016





SciatalgiaSciatica, 15 Minuti di Questa Posizione e il Dolore Scomparirà all’Istante con gran sollievo di chi ne soffre. La sciatica o sciatalgia non è altro che l’infiammazione del nervo sciatico, il più lungo del corpo umano, che va dalla parte inferiore del nervo spinale, passando per la gamba, fin giù al piede. Come tutte le infiammazione, la sciatalgia provoca dolore, che può avere caratteristiche diverse da soggetto a soggetto. Può infatti limitarsi alla parte bassa della schiena, i glutei, la gamba, lo stinco e anche il piede, dolore spesso decisamente severo che non consente nemmeno di riposare correttamente, tanto è vero che molti soggetti che ne soffrono sono costretti, durante la notte, ad alzarsi e trascorrere il resto della nottata seduti su di una poltrona, una posizione che in qualche modo fa avvertire un dolore meno intenso, più sopportabile, che alla fine consente anche di dormicchiare un po’. La sciatalgia è una condizione patologica abbastanza diffusa, infatti il 40% dei soggetti adulti ne avranno sofferto almeno una volta nella vita, e solitamente il suo decorso non è dei più rapidi, visto che a volte richiede anche ben più di qualche settimana per scomparire.

Le cause dell’infiammazione del nervo sciatico vanno ricercate per lo più in traumi o nella presenza di una più o meno piccola ernia lombare nella colonna vertebrale, e in questo caso è necessario rivolgersi ad uno specialista per poter affrontare il problema nel modo più corretto ed efficace. Tuttavia quasi il 70% delle sciatalgie sono la conseguenza di una infiammazione o piccolo trauma del muscolo piriforme, un piccolo muscolo dalla forma triangolare, che ben pochi conoscono, che unisce la superfice interna del sacro al femore, ed è utilizzato per muovere la coscia.



Ginocchio raccoltoI sintomi più comuni di una sciatalgia sono dolore in un qualsiasi punto del nervo sciatico, ovvero dalla parte bassa della schiena fin giù al piede; perdita di sensibilità alla punta dei piedi; formicolio, bruciore o sensazione di puntura di spilli; debolezza alle ginocchia per cui può anche accadere che queste vengano meno quando ci si alza dalla posizione seduta; riflessi ridotti delle ginocchia; impossibilità a flettere in modo normale le caviglie. In presenza di uno o più di questi sintomi, le probabilità che si tratti di una sciatalgia sono elevate, in tutti i casi è bene consultare un medico il quale, facendo sdraiare il paziente sul lettino e facendo una semplice manovra di sollevamento di una gamba, si renderà conto della natura del problema.

A parte la terapia farmacologica di rito basata su antinfiammatori, i FANS, categoria di farmaci cui purtroppo alcuno soggetti sono allergici, vi sono alcune posizioni yoga che possono aiutare a far passare il dolore, certamente non a guarire in quanto non sono in grado di far passare l’infiammazione. Una di queste è quella del ginocchio raccolto. Sdraiati sul dorso su di una superficie rigida, quindi il pavimento, portare il ginocchio al petto mantenendo l’altra gamba rigida, con la punta del piede in alto, spingere il ginocchio della gamba stesa verso il basso e tirare, aiutandosi con le mani, l’altra gamba quanto più possibile al petto; mantenere la posizione per almeno un minuto.

Altra posizione è la torsione di un singolo ginocchio. Sempre sdraiati sulla schiena, mantenere una gamba dritta, piegare l’altro ginocchio verso la gamba stesa fino a formare un angolo di 90°, posizionare la mano opposta sul ginocchio e Torsione ginocchiol’altro braccio disteso sul pavimento a formare una linea continua con le spalle in modo da mantenerle poggiate al pavimento.

Altra posizione è la torsione posteriore in piedi. In piedi, mettere il piede su di una sedia e poggiare il dorso della mano opposta sul lato esterno del ginocchio e l’altra mano poggiata sul fianco. Ruotare la parte posteriore del tronco mantenendo i fianchi rivolti in avanti. Mantenere la posizione per 30 secondi, senza forzare se si avverte dolore, e poi cambiare gamba.

Leggi anche

Seguici