Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Inverti il Primo Piatto col Secondo, Noterai Benefici Per…

Avete mai pensato di invertire l'ordine delle portate e mangiare prima il secondo e poi il primo? Potrebbe essere molto salutare se

di Fabiana Cipro

16 Maggio 2016





Avete mai pensato di ‘rivoluzionare’ il modo in cui siamo abituati a mangiare? Potrebbe essere utile iniziare a prendere seriamente in considerazione questa possibilità, specie se soffrite di diabete.  Questo è quanto è emerso al  26esimo Congresso della Società italiana di diabetologia (SID).

diabete

Come sapete il diabete è la malattia della nutrizione e il suo trattamento passa anche attraverso l’alimentazione. Se vistate domandando a cosa possa servire invertire l’ordine dei piatti, perché questo è ciò che bisogna fare stando a quanto sostengono gli esperti, ve lo spieghiamo subito. Dobbiamo entrare nell’ordine delle idee di mangiare prima il secondo e poi il primo, questo perché ingerire proteine e grassi prima dei carboidrati aiuta a tenere a bada la glicemia evitando picchi dopo i pasti.

diabete e alimentazione



A confermarlo uno studio dell’università di Pisa, che ha evidenziato come iniziare con un antipasto a base di proteine e lipidi migliora sensibilmente la tolleranza a un successivo pasto ricco di glucidi. Gli stessi ricercatori hanno poi verificato che modificare l’ordine di ingestione dei nutrienti (prima proteine e lipidi, poi i carboidrati) migliora la risposta glicemica a un successivo carico orale di glucosio, rallentando l’assorbimento intestinale dello zucchero, potenziando la funzione delle beta-cellule pancreatiche che fabbricano insulina, con un metabolismo più favorevole dell’ormone stesso.

Uno studio dell’università Federico II di Napoli ha poi dimostrato che usare l’olio d’oliva per condire un pasto ad alto contenuto glicemico ‘spiana’ il picco di zuccheri nel sangue che si verifica invece con il burro, o nei pasti a basso contenuto di grassi.

Confermata comunque la bontà della dieta mediterranea, ideale anche per la battaglia contro il diabete. Secondo due studi presentati al meeting romagnolo, è anche anti-infiammatoria e ringiovanisce le arterie. Via libera dunque a frutta e verdura, specie a foglia, come bieta, spinaci, broccoletti e cicorie compresi i radicchi e ortaggi a radice come carote, barbabietole e rape, ma anche a pomodori e carciofi. Come fonte di carboidrati preferire vegetali, legumi, frutta e cereali integrali, mentre sono da limitare pane bianco, pizza e pasta.

diabete 2

Fonte 

Leggi anche

Seguici