Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Pancia Gonfia, i Rimedi Più Efficaci in Vista della Prova Costume

Avere la pancia gonfia è molto fastidioso, questi consigli possono aiutarti a tornare in forma

di Fabiana Cipro

09 Maggio 2016





E’ sempre più vicina e non sono solo le donne ad averne ‘paura’. Di cosa stiamo parlando? Della fastidiosa pancia gonfia che rischia di mettere a repentaglio la ‘tanto temuta prova costume’. Ma prova costume a parte, avere la pancia gonfia è fastidioso non solo per ciò che riguarda l’estetica. E’ causata dall’aumento di gas nell’intestino, ci fa sentire appesantiti e può provocare dolore addominale, meteorismo e stipsi.

pancia gonfia e prova costume

La prima cosa da mettere in pratica è la masticazione dei cibi (abbiamo i denti, vediamo di utilizzarli al meglio evitando di ingoiare il cibo masticato di tutta fretta), non dobbiamo parlare a bocca piena (e non per una questione di bon ton) per non ingerire troppa aria, e dobbiamo mangiare con calma dedicando il tempo necessario ai nostri pasti perché la prima parte della digestione avviene proprio in bocca.

pancia gonfia e prova costume

Oltre ai sopracitati consigli, Vito Annese, Direttore della Gastroenterologia 2 dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze ed esperto in colite ulcerosa, malattia di Crohn e disturbi funzionali gastrointestinali, spiega per quali cause si formano i gas nell’intestino: “Le cause sono numerose, e vanno dalle patologie più comuni a un equilibrio alterato della flora batterica intestinale a malattie più serie, ma abbastanza comuni dopo una certa età, come ad esempio i diverticoliA soffrirne maggiormente sono le donne, soprattutto perché sono soggette alla ciclicità ormonale che comporta effetti sul transito intestinale. Lo stile di vita è tra le cause principali del gonfiore addominale. Fumare contribuisce a inalare aria, così come l’abitudine di mangiare caramelle e masticare gomme, che aumenta la salivazione e di conseguenza l’introduzione di aria nell’intestino. Una regolare attività fisica, invece, aiuta a ripartire correttamente i gas.
Sicuramente, l’alimentazione è tra le cause principali. Le bevande gasate, le fibre, certe qualità di legumi (i fagioli secchi recano più disturbo di quelli freschi) e le verdure a foglia larga possono avere un effetto fermentante, ma molto dipende dalla predisposizione individuale e dalle abitudini personali. Ci sono categorie di persone, i vegani e i vegetariani ad esempio, che consumano regolarmente grandi quantità di legumi e di ortaggi senza soffrire di eccesso di gas intestinale. La loro flora intestinale si è adattata all’alimentazione”.



pancia gonfia e prova costume

 

Negli ultimi anni una ricerca australiana ha stilato una lista di alimenti denominati Fodmap responsabili di questo disturbo: di che cosa si tratta?

Fodmap è l’acronimo di Fermentable Oligo-Di-Monosaccharides and Polyols, in italiano Oligosaccaridi, Disaccaridi, Monosaccaridi Fermentabili e Polioli. Si tratta di categorie specifiche di carboidrati che si trovano in alcuni cibi. Questi carboidrati (ad esempio il lattosio, il fruttosio, i polioli) sono assorbiti soltanto in parte e quindi, fermentando, possono scatenare episodi di meteorismo, gas e distensione addominale.
Ci sono alimenti a elevato o basso contenuto di Fodmap. Alla categoria ad alto contenuto di Fodmap appartengono gli asparagi, i carciofi, il cavolfiore, le cipolle, le mele, i fichi, il mango e le albicocche.
Banane e kiwi sono a bassa percentuale di Fodmap, così come le carote, la lattuga e le patate. Sono Fodmap anche alcune bevande e condimenti, le spezie, certe varietà di cereali, di carne e di pesce, determinata frutta secca e alcune alternative al latte (bevande vegetali).
È provato che ridurre o eliminare alimenti Fodmap dalla propria dieta quotidiana riduce del 25-30 per cento il disturbo dell’eccesso di gas intestinale. Se l’origine del fastidio è alimentare, si avrà un netto miglioramento nel giro di 24-48 ore“.

pancia gonfia e prova costume

Quali sono i rimedi da adottare?

Prima di tutto, occorre rivolgersi a uno specialista lasciando da parte i rimedi fai da te. In prima battuta si dovrà cercare di escludere cause organiche, tranquillizzando il paziente e cercando di trovare l’origine, la vera causa responsabile del disturbo. Soltanto a questo punto si potrà intervenire con il giusto approccio terapeutico.
Se il problema è a livello di flora batterica intestinale, si prescriverà una cura con probiotici disinfettanti intestinali. Se all’origine del gas intestinale c’è la stipsi, si provvederà a regolarizzare il transito intestinale. A seconda dell’origine del disturbo, si correggeranno i vizi alimentari e lo stile di vita“.

Fonte OkSalute.it

Leggi anche

Seguici