Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Psicosomatica quando le Emozioni Scatenano Mal di Schiena e non solo

Non sempre un mal di schiena è la conseguenza di una patologia, di un problema muscolo-scheletrico, bensì può essere dovuto ad una condizione psicologica negativa, ad un eccesso di preoccupazioni o carichi di lavoro che si scaricano sulle spalle.

di Daniele Lisi

05 Maggio 2016





Schiena psicosomaticaPsicosomatica, quando le Emozioni Scatenano Mal di Schiena e non solo, perché mente e corpo sono strettamente legate tra loro, si influenzano a vicenda, e sulla schiena quindi si scaricano tutte le tensioni e i problemi della vita. Praticamente non sempre un mal di schiena è la conseguenza di una patologia, di un problema muscolo-scheletrico, bensì può essere dovuto ad una condizione psicologica negativa, ad un eccesso di preoccupazioni o carichi di lavoro che si scaricano sulle spalle, non per nulla si usa dire che si hanno le spalle curve sotto il peso delle responsabilità. La colonna vertebrale, oltre a mantenere il busto in posizione eretta e a sostenere la testa, è anche il fulcro su cui si scaricano le emozioni e le responsabilità della vita. Quindi non la si carica solo di pesi materiali, ma anche di tutte le preoccupazioni che ogni giorno, chi più chi meno, è costretto ad affrontare. Ed ecco che, ad un certo punto, il corpo non è più in grado di sopportare questa situazione e manifesta il suo disagio con dolori e sofferenza fisica che colpiscono la schiena, anche in maniera a volte severa.

Ad ogni problema fisico che interessa la schiena è legato un disagio emozionale correlato. Vediamo quali sono queste relazioni, le così dette tematiche psico-emozionali. Se si hanno le spalle curve è possibile che si viva uno stato di depressione. Come detto in precedenza, la colonna vertebrale è ciò che ci fa stare eretti, ma se si è tristi, depressi, la schiena si piega e le spalle tendono a richiudersi in se stesse. In sostanza è il fardello che si ha nell’animo a pesare sul corpo, tanto è vero che la persona che vive questa condizione appare più bassa, evidentemente afflitta da qualcosa.



Mal di schienaSe si ha il bacino bloccato e si fa fatica a compiere alcuni movimenti la colpa potrebbe essere di una incapacità a vivere i propri sentimenti, le proprie emozioni, la vita, il non accettarsi completamente, temere il giudizio degli altri, in sostanza una mancanza di autostima che alla fine fa vivere con il freno a mano tirato, come suol dirsi. Per superare questa condizione è necessario finalmente lasciarsi andare, affrontare la vita con uno spirito diverso, anche di avventura se vogliamo, senza ascoltare ciò che dice la mante, la ragione. Probabilmente dopo un poco anche il disagio fisico sarà solo un brutto ricordo.

Il torcicollo può essere la conseguenza di un litigio con una persona che conta nella nostra vita, oppure la preoccupazione legata ad un incontro importante che si deve affrontare, tutte situazioni emotive che si esplicitano con una certa rigidità. Se invece la rigidità interessa la schiena e non il collo, allora la colpa potrebbe essere dovuta ad eccessive preoccupazioni, legate semmai alla paura di un domani incerto, al pensiero di non riuscire a risolvere un problema che ci ha colti all’improvviso, all’incapacità di affrontare le situazioni negative che la vita è sempre pronta a mettere sul nostro cammino. Per allentare la tensione possono risultare efficaci esercizi di respirazione lenta.

La rigidità può essere correlata anche ad un eccesso di responsabilità, perché Mal di schienal’ansia eccessiva può anche causare una certa rigidità muscolare, con i dischi intervertebrali che potrebbero essere più compressi e quindi determinare quella rigidità che rende difficile flettere la schiena. Infine, se si avvertono fitte acute ed improvvise, queste potrebbero essere la conseguenza di un imprevisto, non solo negativo, ma anche positivo, che in tutti i casi non si è in grado di gestire nel modo giusto. L’intensità delle fitte dolorose è ovviamente direttamente proporzionale alla capacità, o meglio, incapacità di affrontare la nuova situazione che si è venuta a determinare.

Leggi anche

Seguici