Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Primi Sintomi e Cura del Dolore Lombare. Come Prevenire la Lombalgia

Piccoli ma significativi accorgimenti per prevenire e curare la lombalgia

di Fabiana Cipro

04 Aprile 2016





E’ un fastidio che colpisce circa il 40 per cento della popolazione e si manifesta con un dolore localizzato all’altezza dei reni che coinvolge i muscoli e le ossa della schiena. Il suo nome è lombalgia e in alcuni casi colpisce anche i glutei e le gambe (lombosciatalgia); viene  classificata per durata, come acuta (dolore di durata inferiore alle 6 settimane), sub-cronica (da 6 a 12 settimane) o cronica (più di 12 settimane); la lombalgia acuta è anche nota popolarmente come colpo della strega.

lombalgiaIl colpo della strega ci può venire compiendo un movimento brusco, ma anche rialzandoci velocemente da terra dopo esserci chinati magari per raccogliere qualcosa. A me è capitato proprio così, non bisogna mai chinarsi con la schiena in avanti, ma abbassarsi piegandosi sulle ginocchia, l’esperienza e il conseguente dolore insegnano. Nel caso del colpo della strega i muscoli si contraggono e non riescono a distendersi, così succede che rimaniamo piegati in due.

sintomi della lombalgia sono costituiti essenzialmente dal presentarsi di una sensazione di dolore che interessa la zona del corpo in corrispondenza della colonna vertebrale lombare e sacrale. Bisogna per forza di cose rivolgersi al proprio medico che, dopo le opportune verifiche, prescriverà quasi sicuramente degli antinfiammatori non steroidei. Se questi non dovessero fare il dovuto effetto, lo step successivo sono i rilassanti muscolari.

Per la cura del dolore può aiutarci la fisioterapia, l’elettrostimolazione e come rimedio naturale possiamo provare ad assumere l’artiglio del diavolo che è un analgesico. Possiamo anche massaggiarci la zona lombare con le dita o i pugni chiusi, cercando di ammorbidire i tessuti e i muscoli, senza esagerare con la pressione e utilizzare la riflessologia della mano massaggiandoci la parte esterna del dito pollice più vicina al polso con movimenti lenti e profondi. 

Bisogna evitare poi l’uso dei tacchi e anche di restare troppo tempo fermi nella stessa posizione. Possiamo anche provare con l’assumere queste due semplici posizioni:

Posizione Psoas: metterci sdraiati a terra di schiena e con le gambe sollevate, appoggiate su una sedia



Posizione della Sfinge: metterci sdraiati sul pavimento a pancia in giù, con la schiena e la testa sollevate e le mani e le braccia poggiate a terra, facendo leva sui gomiti.

lombalgia

Per prevenire la Lombalgia è importante: fare attività fisica; evitare di assumere posture scorrette; non essere sovrappeso; cercare di non farci sovrastare da ansia, stress e depressione che, come abbiamo visto qua, possono avere forti ripercussioni sulla nostra salute. Possiamo anche rafforzare i muscoli della schiena con questi semplici esercizistando seduti dritti si devono spingere le scapole l’una verso l’altra tendendo i muscoli della schiena; poggiando a terra mani e ginocchia, si piegano lentamente schiena e addome verso il pavimento per poi inarcarli verso l’alto, ripetendo più volte. Niente che non possa essere fatto con un minimo di impegno. Così come semplici sarebbero le regole per evitare gran parte dei mal di schiena “acuti” che ci affliggono: non stare seduti nella stessa posizione troppo a lungo, tenere il telefono con la mano e non fra la spalla e il viso, non restare mai molto con la schiena piegata in avanti o in una postura scomoda, non portare borse a spalla (soprattutto se sono pesanti), non sedersi tenendo uno zaino sulle spalle, evitare di sollevare pesi eccessivi.

Con un po’ di attenzione possiamo evitare di farci venire la lombalgia. Sono piccoli ma significativi accorgimenti se vogliamo continuare a stare bene. Non dobbiamo mai sottovalutare quello che facciamo subire al nostro corpo con comportamenti che lo potrebbero danneggiare. E’ fondamentale muoverci, muoverci sempre anche se non ne abbiamo voglia. Tutto sta ad iniziare, passetto dopo passetto, alla fine andremo di corsa!

NOTA BENE: Questo articolo riporta informazioni che non intendono sostituire una diagnosi o i consigli del medico, poiché solo il medico può stilare qualsiasi prescrizione e dare indicazioni terapeutiche.

Leggi anche

Seguici