Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come Sbiancare i Denti con Bicarbonato e Curcuma in 3 minuti

Le proprietà sbiancanti non sono dovute solo alla curcuma, ma alla combinazione di tre ingredienti che, sapientemente miscelati tra loro, consentono di donare ai denti un bel bianco brillante.

di Daniele Lisi

22 Marzo 2016





Sbiancare i dentiCome Sbiancare i Denti con Bicarbonato e Curcuma in 3 minuti, un metodo semplice ed efficace. La curcuma, una spezia buona per tutte le occasioni, una vera amica della salute, riscoperta da qualche anno e finalmente facile da trovare anche nei supermercati. Sulle qualità della curcuma pare non ci siano più dubbi, e a testimoniarlo vi sono un numero veramente notevole di ricerche scientifiche, circa 7000, tutte con risultati che definire sorprendenti è dire poco. Le sono state riconosciute proprietà anti cancro, tanto è vero che molti oncologi ne consigliano l’uso ai loro pazienti, sia come prevenzione, sia come supporto terapeutico quando la malattia è purtroppo già presente. Ma non è tutto, perché è un potente antinfiammatorio naturale, privo oltre tutto degli effetti collaterali tipici dei FANS, per cui la possono assumete con tutta tranquillità anche i soggetti allergici a questa categoria di farmaci. Controlla il colesterolo, migliora la digestione, da una mano per prevenire il diabete, rafforza il cuore, sembrerebbe essere un valido aiuto anche nella prevenzione delle malattie neurologiche, ma anche nel loro trattamento, anche se le ricerche in tal senso sono ancora alle fasi iniziali e, come se non bastasse, aiuta anche a sbiancare i denti.

Ma come è possibile verrebbe da chiedersi, visto che la curcuma macchia di giallo tutto ciò con cui viene a contatto. Il segreto è che le proprietà sbiancanti non sono dovute solo alla curcuma, ma alla combinazione di tre ingredienti che, sapientemente miscelati tra loro, consentono di donare ai denti un bel bianco brillante. Non solo la curcuma, quindi, ma anche l’olio di cocco e il bicarbonato, quest’ultimo già da molti utilizzato per questo scopo. Della curcuma già si è detto quasi tutto. Vediamo ora quali sono le caratteristiche degli altri due ingredienti necessari per sbiancare.



CurcumaL’olio di cocco, sempre più popolare ed apprezzato dai consumatori per le sue tante proprietà curative di cui si parla, anche se non tutti sono d’accordo, niente a che vedere ovviamente con l’olio di palma che è tutt’altra cosa e, oltre tutto, decisamente poco salutare. Molti lo ritengono un vero amico della salute, in quanto sarebbe in grado di nutrire i batteri buoni dell’intestino, e si sa che un intestino in piena forma è sinonimo di buona salute e forma fisica, proteggere la salute cardiovascolare, proteggere dall’ulcera, migliorare l’assorbimento dei nutrienti, svolgere una azione antinfiammatoria, antivirale e antibatterica, anche se per molti tutto ciò non è vero, anzi sarebbe da evitare in cucina.

Tuttavia per i denti, così come per la pelle, si rivela essere un vero amico in quanto aiuta a combattere le infezioni del cavo orale, è in sostanza un potente disinfettante, aiuta a ridurre la placca, una nemica della salute dei denti, riduce la sensibilità dei denti e risolve l’alito cattivo, facilita l’assorbimento del calcio e quindi assicura denti forti. Inoltre, ed è questo ciò che ci interessa nello specifico, ha eccellenti proprietà sbiancanti. Infine, il terzo elemento, il bicarbonato, già noto a tutti, utilizzato in casa un po’ per tutto, ma per i denti un abrasivo delicato che iuta a rimuovere la placca e le macchie dai denti e in più neutralizza i batteri.

Occorrono 4 cucchiaini di curcuma, 3 cucchiai di olio di cocco e 2 cucchiaini di bicarbonato. Versare i tre ingredienti in una ciotola, mescolare bene servendosi Bicarbonatoanche di una forchetta per rompere i grumi che potrebbero formarsi, fino ad ottenere una pasta solida e arancione, il colore forte della curcuma. Si ottiene così una dose di pasta sufficiente per 6 applicazioni. Immergere lo spazzolino nella pasta e spazzolare delicatamente i denti per un paio di minuti, dopo di che risciacquare bene con acqua, come del resto si fa regolarmente quando ci si lava i denti. Non utilizzare questa pasta tutti i giorni in quanto l’azione abrasiva, se prolungata, potrebbe danneggiare lo smalto dei denti. In poco tempo si otterranno degli ottimi risultati.

Leggi anche

Seguici