Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perché Donare il Sangue Fa Bene (anche) alla Salute?

Donare il sangue è una operazione banale in sé, niente affatto pericolosa dal momento che vengono utilizzati tutti strumenti monouso e perfettamente sterili, indolore, e dura pochi minuti.

di Daniele Lisi

10 Marzo 2016





Dona sanguePerché Donare il Sangue Fa Bene (anche) alla Salute? Perché i donatori sono periodicamente controllati, monitorati, sottoposti ad un check-up, oltre tutto completamente gratuito, che in qualche modo li mette al riparo da alcune patologie anche gravi, quali per esempio il diabete o, andando oltre, malattie epatiche e anche l’HIV, acronimo dall’inglese Human Immunodeficiency Virus, anche se si è più abituati a parlare di AIDS, ovvero Sindrome da Immunodeficienza Acquisita. I benefici quindi sono tutti nei controlli cui il donatore è sottoposto all’atto del prelievo in quanto è necessario verificare che il sangue donato sia perfetto, privo di virus o altre anomalie che potrebbero mettere a rischio la vita del ricevente, e quindi non più salvarla come invece è naturale che sia. Quindi, la donazione è un atto che non fa bene solo a chi riceverà il sangue donato, ma anche al donatore proprio perché quest’ultimo potrà godere di una serie di controlli per verificare il suo stato di salute, controlli che poi saranno periodici, oltre che gratuiti come detto in precedenza, il che con l’aumento dei costi della sanità che gravano in buona misura sugli assistiti, è una buona notizia.

Quando si dona il sangue si entra, di fatto, in una grande famiglia, si potrebbe dire, perché periodicamente si verrà contattati per eventuali altre donazioni, ed è proprio in quelle occasioni che verranno eseguiti i controlli, che infatti vanno fatti ad ogni donazione per motivi di sicurezza, cosa ovvia del resto. Diversi anni fa, quando l’HIV non si sapeva nemmeno cosa fosse, i controlli erano meno precisi e completi di quelli che si fanno adesso, tanto è vero che all’epoca vi furono anche degli scandali legati a delle sacche di sangue infetto. Diverse furono allora le cause, ma su tutte la più significativa i protocolli di controllo del tutto inadeguati.



Donare sangueQuando si dona il sangue si è sottoposti, per prima cosa, ad una visita medica per verificare lo stato di salute, il battito cardiaco, eventuali aritmie, la pressione, il torace, e così via e inoltre il medico addetto al controllo provvederà a redigere una attenta anamnesi del donatore per essere aggiornato sulla sua storia clinica, eventuali patologie pregresse, stile di vita, alimentazione, ecc.. Questo perché si deve essere certi che il donatore di turno sia compatibile con la donazione del sangue, che non vi siano patologie in corso o pregresse che sconsiglino la donazione stessa.

Questa visita è completamente gratuita, come è facile immaginare, così come lo sono i controlli ematici. Il donatore, in un secondo momento, riceverà direttamente al suo domicilio i risultati delle analisi che comprendono, tra l’altro, test infettivologici per epatite, HIV e Sifilide, esami epatici e renali, trigliceridi, colesterolo, glicemia ed emocromo completo. Insomma, come detto in precedenza, un check-up gratuito. Infatti, se gli esami dovessero rivelare delle anomalie, il donatore verrà contattato per suggerirgli ulteriori controlli da eseguire. Purtroppo il donatore è un soggetto raro, ed è anche per questo che viene seguito, coccolato in un certo senso, in modo da poterlo conservare e preservare a lungo.

Donare il sangue è una operazione banale in sé, niente affatto pericolosa dal momento che vengono utilizzati tutti strumenti monouso e perfettamente sterili, indolore, e dura pochi minuti. Inoltre, non ha conseguenze in quanto il sangue Sacche di sangueprelevato verrà sostituito nel giro di poche ore, e il donatore non se ne accorgerà nemmeno. Certo, vi sono persone che hanno la paura degli aghi, che svengono alla vita del sangue, ma difficilmente questi soggetti si avvicineranno ad un centro mobile per effettuare la donazione. Donare il sangue è importante, può servire a salvare una vita, soprattutto poi se si considera che da una sacca di sangue se ne possono ricavare fino a tre sacche. Chi sta bene in salute e non è un soggetto impressionabile, dovrebbe farci un pensierino.

Leggi anche

Seguici