Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Non Lasciate i Bambini Seduti in Posizione a W perché…

La posizione a W è molto amata dai bambini che la mantengono anche per periodi piuttosto lunghi. E’ importante però che gli adulti li aiutino a non assumerla troppo spesso perché può compromettere il corretto sviluppo muscolare e scheletrico, creando numerosi problemi ossei e di postura

di Redazione

04 Gennaio 2016





Non Lasciate i Bambini Seduti in Posizione a W perché…

Ai bambini la posizione a W piace molto e risulta piuttosto comoda, soprattutto mentre giocano.

Per assumere la posizione a W, i piccoli si mettono sul pavimento,piegando le ginocchia ed accoccolandosi sui glutei; poi, divaricano le gambe e mettono i piedi sotto. La posizione a W, se assunta per lunghi periodi può risultare pericolosa ed è molto importante che gli adulti intervengano per dissuaderli e proporgli altre posizioni. Infatti, nell’infanzia l’apparato muscolo scheletrico è in divenire e può facilmente andare incontro a dannose modificazioni.

Lasciare i bambini seduti in posizione a W, nel corso del tempo, può causare dei danni muscolari e scheletrici. I problemi maggiori riguardano il corretto sviluppo muscolare e scheletrico perché, in questa posizione viene esercitata un’eccessiva sollecitazione di alcuni apparati. In particolare, i piccoli che siedono per ore nella posizione a W possono andare incontro a problemi muscolari a carico dei posteriori della coscia, degli abduttori dell’anca e dei rotatori. Inoltre, si possono manifestare disturbi del perone e dei piedi, in particolare dei talloni e delle dita.



Non Lasciate i Bambini Seduti in Posizione a W perché…La posizione a W, alla lunga, può essere deleteria anche per la spina dorsale perché si tratta di una postura scorretta che può influire anche sulla stabilità e sul corretto sviluppo delle abilità motorie. I genitori non devono lasciare che i bambini stiano nella posizione a W troppo spesso perché potrebbero andare incontro a numerosi disagi come un accorciamento dei muscoli, difficoltà di movimento e di coordinazione.

E’ fondamentale che gli adulti osservino i comportamenti dei bambini mentre giocano o si divertono e, nel caso assumano la posizione a W, intervengano proponendo un’alternativa più salutare. Per esempio, si può proporre ai piccoli di sdraiarsi oppure di sedersi distendendo le gambe. Invece, se il bambino desidera leggere oppure giocare in maniera statica si può suggerire di utilizzare un tavolino ed una sedia ergonomica ed adeguata per struttura e dimensioni.

Leggi anche

Seguici