Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Dieta Consigliata per l’Intestino Irritabile Solo chi ne Soffre Conosce i Fastidi!

L’intestino irritabile è una condizione molto diffusa che riguarda, soprattutto, donne. Si manifesta con dolori, gonfiore, diarrea o stitichezza e frequenti mal di pancia che possono interferire, negativamente, sulle attività quotidiane. Solo chi ne soffre conosce l’entità dei fastidi che, in alcuni momenti, possono diventare particolarmente acuti

di Redazione

30 Novembre 2015





Dieta Consigliata per l’Intestino Irritabile. Solo chi ne Soffre Conosce i Fastidi!

L’intestino irritabile è un problema alquanto diffuso che provoca meteorismo, dolori, diarrea o stitichezza, mal di pancia e una sgradevole sensazione di disagio. Soltanto chi ne soffre conosce i fastidi che, nelle fasi più critiche, possono interferire nello svolgimento delle attività quotidiane.

La dieta consigliata per l’intestino irritabile deve essere stabilita da uno specialista dopo aver svolto alcuni esami diagnostici; infatti, alcuni sintomi del colon irritabile possono essere la spia di altre patologie, come per esempio a celiachia o un tumore. Ecco perché è sempre importante chiedere il parere del proprio medico di riferimento.

La dieta per l’intestino irritabile prevede che si prediligano alimenti come proteine, sia carne che pesce e cereali preparati in maniera semplice e senza condimenti eccessivi. E’ importante limitare gli intingoli particolarmente grassi e le spezie piccanti come il peperoncino. I legumi possono causare gonfiore e difficoltà digestive facilmente risolvibili passandoli in modo da eliminare la pellicina.



Il latte può causare numerosi disturbi intestinali, soprattutto se il soggetto è stato dichiarato intollerante al lattosio; si può sostituire con il latte ad alta digeribilità o con quello di riso, di avena e di soia. Alcuni ingredienti, come le cipolle, i cavoli, i carciofi, le arance e le prugne Dieta Consigliata per l’Intestino Irritabile. Solo chi ne Soffre Conosce i Fastidi!possono risultare flatulenza e diarrea. Per individuare quali siano gli alimenti meno tollerati è consigliabile tenere un diario alimentare dove annotare l’eventuale insorgenza dei sintomi in concomitanza del consumo di determinati alimenti.

La dieta contro l’intestino irritabile comprende buone quantità di acqua, di succhi e di tisane grazie alle quali mantenersi idratati e, nel caso di stitichezza, favorire il transito intestinale. In genere, è ben tollerato lo yogurt ed i formaggi, sia stagionati che freschi. Per quanto riguarda la verdura, la ricchezza di fibre non è adatta a chi soffre di diarrea mentre si rivela utile a chi deve combattere con la stipsi.

Per evitare l’insorgenza dei fastidi tipici dell’intestino irritabile è opportuno ridurre al minimo l’assunzione di bevande gassate, cioccolata calda, tè e caffè. E’ importante mangiare con calma e lentamente, masticando ogni boccone. La colite, molto spesso, è di origine psicosomatica, determinata da situazioni di ansia, stress o insoddisfazione.

 

Leggi anche

Seguici