Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Gastroprotettori naturali cosa mangiare per proteggere lo stomaco

I gastroprotettori naturali aiutano a tamponare l’acidità in eccesso e al tempo stesso proteggono le mucose di stomaco e intestino rafforzandole.

di Daniele Lisi

14 Settembre 2015





Acidità stomacoGastroprotettori naturali, cosa mangiare per proteggere lo stomaco dall’eccesso di acidità che si può determinare per l’azione di alcuni alimenti. Oggi, rispetto al passato, esistono alcuni farmaci che risolvono del tutto il problema. Si tratta degli inibitori della pompa protonica, tuttavia solitamente chi comincia ad utilizzare tali farmaci è poi quasi costretto ad utilizzarli per tutta la vita, o quasi. Rispetto ai primi farmaci del genere che erano caratterizzati da un effetto rimbalzo, ovvero una volta sospeso il farmaco il problema si ripresentava con maggiore veemenza, i farmaci moderni sono molto più efficaci, tuttavia il più delle volte, come detto in precedenza, se ne diventa di fatto dipendenti. Questo sempre se il responsabile dei problemi di iperacidità non è l’Helicobacter pylori, il batterio che è facile eradicare definitivamente con una opportuna terapia antibiotica. Ma a parte questi problemi e a parte anche i farmaci cui si accennava in precedenza, vi sono alcuni gastroprotettori naturali in grado di proteggere efficacemente l’apparato gastrointestinale dall’iperacidità, problema che si può presentare a seguito dell’assunzione di alcuni alimenti, o anche dopo un pasto particolarmente abbondante e ricco, diciamo così, o anche per colpa dello stress, problema da non sottovalutare.

I gastroprotettori naturali aiutano a tamponare l’acidità in eccesso e al tempo stesso proteggono le mucose di stomaco e intestino, le rafforzano e le rendono quindi più idonee a sopportare gli attacchi degli acidi gastrici in eccesso. Vediamo quindi quali sono questi protettori naturali così da poterli utilizzare in caso di bisogno o anche solo preventivamente. Il latte di mandorla è uno di questi. Riduce l’acidità gastrica e tampona quella in eccesso, caratteristiche che possono tornare molto utili. A parte quello che si trova regolarmente in commercio, lo si può preparare anche in casa. Bastano 100 grammi di mandorle pelate da inserire nel mixer assieme ad un litro d’acqua, e il gioco è fatto.



Latte di mandorlaAnche l’aglio è un eccellente rimedio contro l’acidità gastrica. Da sempre considerato come un farmaco a tutti gli effetti, perché dotato di tante eccellenti proprietà che lo rendono un vero amico della salute, ha il solo difetto di avere un gusto non gradito a tutti e di favorire la produzione di gas intestinale. I maggiori effetti benefici, nello specifico quello antinfiammatorio e antiacido, li si ottengono consumandolo crudo, modalità un po’ azzardata diciamo così, oppure acquistando in erboristeria dei preparati a base di estratto di aglio.

Altro efficace rimedio è l’alloro, ovviamente le sue foglie con cui preparare degli infusi dalle tante ottime proprietà. Viene anche utilizzato in cucina nella preparazione di numerose ricette. Ha proprietà antispasmodiche e rilassanti e in più è in grado di proteggere lo stomaco e quindi le sue mucose dagli attacchi degli acidi in eccesso grazie all’alto contenuto di pectine e mucillagini, sostanze in grado di tamponare l’iperacidità gastrica.

L’ananas, in particolare il suo gambo, è ricco di una sostanza particolare, la bromelina, un enzima dalle tante ottime caratteristiche. Aiuta nella digestione, protegge la mucosa gastrica dall’eccesso di acidità e inoltre contrasta le sostanze che possono determinare una infiammazione. Quindi l’ananas non è solo un eccellente bruciagrassi, ma anche un valido aiuto per coloro che soffrono di iperacidità gastrica.

alloroLa melissa, una erbacea spontanea con le cui foglie si possono realizzare delle ottime tisane. È un gastroprotettore naturale molto efficace ed è anche dotata di proprietà calmanti e antinfiammatorie. L’artiglio del diavolo, altra pianta erbacea spontanea, considerata addirittura invadente, è un eccellente antinfiammatorio. Da sempre utilizzato nella medicina tradizionale per queste sue eccellenti proprietà, riduce l’infiammazione gastrica in particolare durante il cambio di stagione, periodo in cui i problemi gastrici sono più frequenti, cosa che ben sanno i pazienti che ne soffrono.

Leggi anche

Seguici