Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come depurare il Fegato gonfio e grasso in modo naturale

Liberarsi dei calcoli biliari prima che questi diventino di dimensioni troppo grosse tanto da dare segni evidenti della loro presenza è possibile ed è oltre tutto consigliabile.

di Daniele Lisi

17 Agosto 2015





FegatoCome depurare il Fegato gonfio e grasso in modo naturale, senza ricorrere a farmaci. Il fegato è uno degli organi emuntori più importanti dell’organismo, e un suo malfunzionamento, quale ne sia la causa, potrebbe essere causa di gravi problemi. Il suo compito è quello di filtrare il sangue liberandolo quindi dalle scorie, dalle tossine e da tutte le sostanze di scarto dell’organismo. In sostanza depura il sangue, una funzione fondamentale per poter essere in buona salute. Riesce infatti a filtrare fino a un litro e mezzo di sangue al minuto ed è quindi di tutta evidenza che un suo cattivo stato di salute comprometterebbe seriamente l’organismo nl suo complesso. La presenza di calcoli biliari che vanno ad ostruire i dotti epatici nei quali confluisce la bile può compromettere ancor più la situazione, contribuendo a rendere il fegato gonfio e grasso. Da non confondersi con la steatosi epatica, una patologia che non può essere affrontata con metodi naturali, anche se ovviamente una alimentazione corretta aiuterebbe non poco a migliorare la situazione. Tornando ai calcoli biliari, si stima che il 95% della popolazione occidentale ne sia interessato, complice un’alimentazione troppo ricca di grassi animali.

Liberarsi dei calcoli prima che questi diventino di dimensioni troppo grosse tanto da dare segni evidenti della loro presenza è possibile ed è oltre tutto consigliabile. Del resto l’operazione, anche se a prima vista potrebbe risultar un tantino complessa, non è poi tanto difficile. In sostanza si dovrà effettuare una operazione di lavaggio per liberare i dotti epatici dai calcoli, però è necessario prepararsi a questa operazione in modo da ammorbidire i calcoli stessi così da facilitarne l’espulsione che, contrariamente a quanto avviene per i calcoli renali, vengono espulsi con l feci. Ma vediamo come procedere per eliminare questi calcoli.



Hulda ClarkSi tratta del metodo della dottoressa canadese Hulda Klark, che ha dedicato la sua vita allo studio di vari malattie, tra cui il cancro, autrice tra l’altro di una serie di libri in cui metteva a disposizione degli altri le sue conoscenze. Innanzi tutto, per prepararsi al0’espulsione dei calcoli, è necessario assumere per 6 giorni un litro di succo di mela ogni giorno, questo perché l’acido malico ha la capacità di ammorbidire i calcoli che quindi verranno espulsi più facilmente. In questi giorni si deve inoltre seguire una dieta a base di cereali, frutta e verdure, con esclusione totale di proteine e grassi animali.

La fase che potremmo definire di lavaggio vero e proprio inizia il settimo giorno ed è della durata di due giorni, meglio se durante il fin settimana, quando si è liberi da impegni e da stress. Il primo giorno si consuma una colazione leggera a base di frutta o cereali, senza aggiunta di zuccheri. Durante la mattinata va bevuto tutto ilo litro di succo di mele. A pranzo solo riso verdure bollite, conditi solo con sale e null’altro. Da quel momento in poi non si assumerà null’altro all’infuori di acqua. Nel frattempo si prepara una miscela a base di 3 bicchieri di acqua 4 cucchiai di sale inglese, facilmente reperibile in farmacia.

Alle 18 si assume la prima dose pari ad un quarto e alle 20 la seconda, sempre pari ad un quarto del volume iniziale. Se entro un’ora non ci si è liberati, è opportuno liberare l’intestino con l’aiuto di un piccolo clistere. Già in questa fase è possibile osservare i primi calcoli eliminati. Alle 22 si prepara una seconda miscela a base di Calcolitre quarti di bicchier di spremuta di agrumi e mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva, la si beve e ci si corica immediatamente. Il mattino successivo, alle 6 si beve la quarta dose a base di sale inglese e alle 8 la quarta e ultima dose. Anche questo giorno l’alimentazione deve essere leggera, come quella del giorno precedente e, dal giorno successivo si può torna gradualmente alla solita alimentazione. È consigliabile ripetere il lavaggio dopo tre settimane, continuando fin quando non verranno espulsi calcoli per due lavaggi consecutivi. La dottoressa Hulda Klark consiglia di ripetere il tutto ogni 6 mesi.

Leggi anche

Seguici