Questo sito contribuisce
all'audience di

 

10 dolori apparentemente vaghi e casuali che non dovresti sottovalutare

Potrebbe trattarsi di fibromialgia, uno stato patologico o sindrome che, oltre ai fastidi più o meno severi che determina, non è di fatto pericolosa

di Daniele Lisi

10 Agosto 2015





Fibromialgia10 dolori apparentemente vaghi e casuali che non dovresti sottovalutare, perché essere attenti ai segnali di malessere che invia il proprio corpo può fare la differenza tra lo star bene e il rischio di arrivare troppo tardi. Ovviamente bisogna saper distinguere tra dolore e dolore, tuttavia per essere sicuri di non sbagliare, è sempre bene rivolgersi al proprio medico il quale saprà certamente come affrontare il problema. Potrà anche capitare di vedersi prescrivere una serie di esami che potrebbero anche creare apprensione, come ad esempio una risonanza magnetica, ma fortunatamente il più delle volte tali esami danno esito negativo. Del resto è normale che il medico attento debba accertarsi con assoluta precisione dello stato di salute del paziente, anche a costo di procurargli qualche preoccupazione. È sempre meglio un eccesso di prudenza piuttosto che comportarsi superficialmente.  Quindi, se si avverte un dolore casuale, per lo più apparentemente immotivato, e se questo si protrae nel tempo, è necessario ricorrere prontamente al proprio medico. Il dolore è un segnale che invia il proprio corpo perché vuol dire che c’è qualcosa che non va, quindi è necessario prestargli la massima attenzione.

A parte i dolori che possono essere causati da una serie di patologie più o meno gravi, ve ne sono altri che invece sono vaghi, non si riesce a capire quale possa essere la causa che li determina. Si tratta per lo più di dolori a livello muscolare, articolare, con tendini e guaine tendinee doloranti, quindi non ben definiti, ma che comunque possono essere associati ad affaticamento, spossatezza, formicolii, sindrome del colon irritabile, depressione, stanchezza, sindrome delle gambe senza riposo, sensibilità al freddo e altro ancora. Si tratta di una sintomatologia complessa, a volte poco significativa, altre volte invece ben più severa, addirittura invalidante in alcuni casi.



fibromilagiaPotrebbe trattarsi di fibromialgia, uno stato patologico o sindrome che, oltre ai fastidi più o meno severi che determina, non è di fatto pericolosa, tuttavia a volte conviverci può essere decisamente impegnativo. Le cause non sono del tutto note e solo dal 1990 si hanno finalmente dei criteri clinici che ne consentono la diagnosi. Si parte da una attenta e precisa anamnesi clinica, tramite appunto le informazioni dei punti dolenti fornite dal paziente cui segue un esame oggettivo per mezzo di digitopressione su 18 punti ben definiti, i così detti Tender Points, che sono punti localizzati precisamente sulle inserzioni muscolo tendinee e sulle articolazioni.

Ovviamente seguiranno anche altri esami clinici per lo più eseguiti per escludere altre patologie che potrebbero essere alla base della sintomatologia. Se alla fine della visita si saranno rilevati almeno 11 Tender Points dolenti, e se ovviamente gli esiti degli altri esami saranno negativi, allora si avrà la diagnosi di fibromialgia. Dal momento che, come detto in precedenza, le cause di tale sindrome sono poco note, anche la terapia non potrà avvalersi si supporti terapeutici specifici. Per lo più i pazienti verranno trattati con i FANS, antinfiammatori non steroidei, ma vi sono anche altri aspetti da prendere in considerazione.

YogaA volte potrebbe essere la depressione la causa della fibromialgia dal momento che dolori ed emozioni viaggiano su percorsi neurali comuni, e quindi un modo per curare la sindrome è anche quella di gestire lo stress e la depressione stessa. Bisogna anche evitare momenti prolungati di inattività, per cui è bene cercare di restare sempre attivi, anche durante i giorni di riposo, così come potrebbe aiutare una certa attività fisica da praticare con costanza, almeno 5-6 giorni a settimana. Possono portare giovamento anche l’agopuntura, il training autogeno, lo yoga, o altri rimedi fitoterapici.

Leggi anche

Seguici