Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Radice di Echinacea, sconfigge l’Influenza più dei Farmaci ma nessuno ne parla

Diversi studi, negli ultimi anni, hanno dimostrato l’efficacia di diversi prodotti naturali, al pari e forse anche superiori ai farmaci di sintesi.

di Daniele Lisi

24 Luglio 2015





Echinacea PurpureaRadice di Echinacea, sconfigge l’Influenza più dei Farmaci ma nessuno ne parla, si fa finta di ignorare che la natura è già da sola in grado di risolvere la maggior parte dei malanni dell’uomo. Diversi studi, negli ultimi anni, hanno dimostrato l’efficacia di molti prodotti naturali al pari e forse anche superiori ai farmaci di sintesi. L’Echinacea Purpurea è una di queste piante che è in grado di alleviare i sintomi dell’influenza e anche di combatterla. Poco coltivata nei giardini italiani perché poco conosciuta, fa parte di quel gruppo di piante che rientrano nella categoria delle erbacee perenni, ben note e molto utilizzate nel resto d’Europa e in particolar modo nel Regno Unito che, da sempre, ha una cultura particolare per quanto riguarda le coltivazioni delle piante da giardino. Detto questo, va fatto notare che l’Echinacea purpurea è anche una bella pianta, che produce una gran quantità di fiori di notevoli dimensioni per tutta l’estate, che farebbero la felicità di ogni giardiniere dilettante. Fiori che possono anche essere utilizzati per abbellire la casa, proprio per le loro dimensioni ragguardevoli e per il loro colore porpora, come del resto suggerisce anche il suo nome.

Ma a parte queste considerazioni colturali, va detto che l’Echinacea Purpurea, o meglio la sua radice, è conosciuta sin dall’antichità per le sue proprietà terapeutiche, proprietà ora messe in evidenza anche da un recente studio i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Current Therapeutic Research. Lo studio in questione si è avvalso della collaborazione volontaria di 473 pazienti che avevano manifestato sintomi influenzali per meno di 48 ore. Ai pazienti , divisi in due gruppi, è stata somministrata per la durata di 10 giorni una bevanda a base di Echinacea e sambuco europeo, la Hechinaforce Hordrink, oppure il farmaco solitamente utilizzato per combattere l’influenza.



Medicina naturaleI pazienti sono stati tenuti sotto stretto controllo e, entrambi i gruppi, hanno mostrato buoni tassi di recupero dall’influenza che, durante il trattamento, non mostravano diversità significative. Praticamente gli effetti terapeutici erano praticamente compatibili, tuttavia alla fine del periodo di osservazione, durato appunto 10 giorni, si è potuto osservare che i pazienti che mostravano di recuperare meglio e più rapidamente dagli effetti dell’influenza erano quelli cui era stato somministrata la bevanda a base di Echinacea purpurea e sambuco europeo. Una constatazione che ancora una volta dimostra che gli estratti di molte piante sono dotati di eccellenti proprietà terapeutiche, anche più delle medicine tradizionali.

Gli autori della ricerca sono giunti alla conclusione che la somministrazione precoce della bevanda naturale, che oltre tutto è già regolarmente in commercio in Svizzera, si è dimostrata importante per l’efficacia del trattamento, addirittura più importante rispetto al farmaco tradizionale. Del resto ormai diverse ricerche dimostrano, come detto in precedenza, che svariate piante o alcuni prodotti di origine vegetale, come il miele ad esempio, sono una fonte pressoché inesauribile di sostanze in grado di fronteggiare con successo diverse malattie, anche gravi, con la differenza che rispetto ai farmaci tradizionali, sono quasi tutti privi di effetti collaterali.

Il miele, citato in precedenza, è un eccellente antibiotico naturale, molti frutti, in particolare quelli di bosco, sono dotati di tante eccellenti proprietà che li rendono dei veri amici della salute. I mirtilli, ad esempio, sono ricchi di sostanze che li rendono dei veri e propri antinfiammatori naturali, Ricercama non solo, perché sono dotati di proprietà antitrombotiche, ovvero migliorano la salute dei vasi, in particolare i capillari, così come sono anche ricchi di antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi, i responsabili dell’invecchiamento cellulare. Senza poi parlare della Curcuma che, negli ultimi anni, è stata oggetto di molti studi che hanno dimostrato la sua efficacia nel prevenire e combattere non poche malattie. Insomma, la natura ci è amica, solo che spesso lo ignoriamo.

Leggi anche

Seguici