Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Frutta e verdura fanno Dimagrire? Non sempre, cosa evitare per perdere peso

Non tutta la frutta e la verdura va bene se si vuole perdere peso perché alcuni alimenti vegetali sono ricchi di zucchero. Basta solo limitarne il consumo, senza eliminarli del tutto.

di Daniele Lisi

13 Giugno 2015





Frutta e verduraFrutta e verdura fanno Dimagrire? Non sempre, perché non tutta la frutta e la verdura permette di eliminare i chili di troppo. Una dieta in cui la frutta e la verdura svolgono un ruolo da protagoniste è spesso indicata come quella ideale per perdere peso, anche se vi sono alcune diete, in particolare iperproteiche, che limitano di molto il consumo di questi vegetali e danno molto spazio alla carne. Si tratta per lo più di diete non perfettamente equilibrate che in qualche modo riescono anche a mantenere le promesse, tuttavia si tratta di regimi alimentari che, per loro natura, a lungo termine possono rivelarsi pericolose per la salute. Infatti in molti casi vengono sconsigliate a soggetti con problemi epatici e renali, e questo per una dieta non è certamente un bel biglietto da visita. La soluzione migliore, per perdere peso, resta sempre quella di rivisitare il regime alimentare abituale, eliminando gli alimenti che notoriamente sono i responsabili dell’aumento ponderale, oltre che essere nemici della salute. Quindi, largo a frutta e verdura, anche se poi è necessario eliminare alcuni di essi altrimenti l’impresa potrebbe risultare più ardua del previsto.

Tra i frutti da evitare vi sono mango e ananas, anche se solitamente quest’ultimo viene considerato il bruciagrassi per eccellenza. In effetti contengono molti zuccheri, per cui il loro apporto calorico è più che significativo, e alla fine si potrebbe concretizzare con qualche grammo in più di ciccia, cosa che invece si vorrebbe eliminare. Questo non vuol dire che è necessario eliminare del tutto questi due frutti che tra l’altro sono anche decisamente saporiti, ma semplicemente che è necessario limitarne il consumo. Largo invece alle mele che invece sono delle vere amiche della salute e della linea, grazie al loro elevato contenuto di fibre. Non per nulla vi è l’antico adagio che recita “una mela al giorno leva il medico di torno”.



Frutta seccaLa frutta secca, una vera miniera di tante ottime sostanze che la rendono qualcosa da non far mai mancare in tavola. Fanno bene al cuore, riducono il colesterolo, i pistacchi prevengono il tumore al seno, solo che anche in questo caso sono anche ricche di calorie. Questo non vuol dire che bisogna farne a mano, anzi tutt’altro, solo che bisogna limitarne il consumo. Una manciata è più che sufficiente, e per le noci che sono evidentemente di dimensioni maggiori, 7-8 al giorno fanno bene e non fanno ingrassare.
L’Avocado, altro frutto esotico dotato di tante eccellenti proprietà. Fa bene al cuore, riduce i livelli di colesterolo, solo che anche in questo caso si tratta di un frutto dall’alto contenuto calorico, per cui andrebbe consumato senza esagerare.

Le patate, un vegetale anch’esso ricco di calorie. Si pensi che una piccola porzione di purè di patate contiene circa 250 calorie, il che le rende certamente poco amiche della linea. Vanno quindi consumate con attenzione. Ovviamente quelle fritte, in caso di dieta, andrebbero invece del tutto evitate. Altri vegetali invece possono essere mangiati senza particolari limitazioni, come la lattuga, gli spinaci e i cavoli, tutti ricchi di fibre e quindi anche in grado di migliorare la regolarità intestinale a tutto vantaggio sia della linea che della salute dell’organismo nel suo complesso, Avocadoe inoltre sono a bassissimo indice glicemico.

Molti pensano che bere un centrifugato di verdure sia un’ottima scelta. La cosa potrebbe essere condivisibile, sempre che si tratti di centrifughe fatte in casa, e non di produzione industriale. Queste ultime infatti sono particolarmente ricche di Sali e di zuccheri, per cui vanno evitate del tutto. Un buon frullato, o anche centrifugato, fatto in casa è senza alcun dubbio la soluzione migliore, sempre a patto che non vi si aggiunga alcun dolcificante.

Leggi anche

Seguici