Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Oleolito alle Margherite per Rassodare Seno e Glutei ed Idratare la Pelle

L’oloeolito è una preparazione curativa e cosmetica che si può preparare con molta facilità anche a casa. L’oleolito alle margherite è indicato per idratare la cute, ammorbidirla e renderla più tonica; inoltre, è ottimo per rassodare il ventre, i glutei ed i seni anche durante la dolce attesa

di Redazione

08 Giugno 2015





Oleolito alle Margherite per Rassodare Seno e Glutei ed Idratare la Pelle

L’oleolito è una preparazione di origine molto antica che prevede la macerazione in un grasso, come l’olio extra vergine d’oliva, di piante medicinali.

L’oleolito alle margherite è molto versatile e facile da preparare perché è soltanto necessario procurarsi un buon olio extra vergine d’oliva e delle margherite, il cui nome scientifico è leucanthemum vulgare. Le margherite, che si trovano con facilità nelle nostre campagne durante la stagione primaverile, hanno molteplici proprietà benefiche perché per la nostra cute perché sono idratanti, emollienti e lenitive; sono consigliate anche per curare scottature di piccola entità, rossori e i tipici problemi di chi ha una pelle impura.



L’oleolito alle margherite è un vero toccasana che può essere applicato come rassodante e tonificante; steso regolarmente con movimenti lenti aiuta a rassodare il seno, il collo, i glutei e le cosce. E’ particolarmente utile per prevenire la formazione dei segni del tempo, per esempio sul collo, ma anche durante la gestazione per evitare il rilassamento cutaneo e mantenere la pelle in salute.

Oleolito alle Margherite per Rassodare Seno e Glutei ed Idratare la PellePer realizzare questo straordinario prodotto è necessario avere 400 grammi di margherite e 400 grammi di olio extra vergine d’oliva di qualità. Bisogna eliminare i gambi e riporre le corolle in un barattolo di vetro a chiusura ermetica, perfettamente pulito. Si ricopre con l’olio, verificando che tutti i fiori siano completamente immersi e non vi siano spazi vuoti; dopo aver ben agitato si ripone al buio in un luogo fresco ed asciutto. Durante il periodo di riposo, che dovrà essere di trenta giorni, è necessario scuotere spesso il barattolo. Prima di utilizzarlo deve essere ben filtrato e travasato in un altro barattolo di vetro scuro, perfettamente pulito, dotato di tappo e di etichetta indicante tutti gli ingredienti; ora l’oleolito alla margherite è pronto all’uso.

In base alle proprie esigenze è possibile realizzare oleoliti con numerose altre piante medicinali, come per esempio la calendula o l’iperico.

Leggi anche

Seguici