Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Stitichezza, dolori insopportabili e notti insonni. Come è guarito quest’uomo cambiando alimentazione

Le vicissitudini di Grianfranco, un quarantenne che le racconta nella speranza che la sua esperienza possa essere di aiuto ad altri.

di Daniele Lisi

02 Giugno 2015





Mal di stomacoStitichezza, dolori insopportabili e notti insonni. Come è guarito quest’uomo cambiando drasticamente alimentazione. La storia di Gianfranco, un quarantenne che per anni ha dovuto fare i conti con una serie di malesseri, oltre tutto decisamente severi, che gli hanno condizionato la vita. Poi, un po’ per caso, trova in rete la soluzione a tutti i suoi problemi, anche se il tutto è avvenuto in fasi differenti. È riuscito a trovare delle risposte che un poco alla volta gli hanno consentito di fare le scelte giuste, di capire anche in modo autonomo quali fossero i suoi problemi, o meglio, le origini dei suoi guai, e ha quindi potuto adottare le soluzioni giuste. Ora la sua vita è tornata ad essere normale, anche se la sua alimentazione è decisamente personalizzata, molto diversa da quella di un tempo, ma anche diversa da quella tradizionale, perché il suo era un problema quasi unico, un problema che i tanti esami, sia strumentali che ematici, cha aveva fatto nel corso degli anni non erano riusciti ad evidenziare. Sin da piccolo aveva dovuto fare i conti con dei problemi di stomaco, problemi che con il trascorrere degli anni erano peggiorati.

Gianfranco ha deciso di condividere la sua esperienza così da poter essere utile anche ad altri che soffrono del suo stesso problema, proprio perché avendo vissuto una trentina d’anni di fastidi anche severi, ha voluto mettere a disposizione di altri ciò che aveva appreso. Sin da piccolo per lui mangiare una pizza la sera con gli amici voleva dire trascorrere poi una notte insonne, ancor più se la pizza era stata accompagnata da una buona birra. Tuttavia aveva notato che la birra gli dava meno fastidio quando assumeva anche dei fermenti lattici. Con il trascorrere del tempo la sua condizione peggiora. Le forze lo abbandonano, continui capogiri e cali di pressione gli rendono la vita difficile, tanto che si trova costretto a non praticare più attività fisica.



Yogurt probioticoLa palestra e le partite di calcetto diventano un lontano ricordo, mentre continuano a tormentarlo i continui dolori di stomaco che, quasi tutte le notti, lo fanno svegliare zuppo di sudore. Perde il conto delle visite mediche, di quelle specialistiche, dei tanti esami cui si sottopone con una certa frequenza con la speranza che, prima o poi, possano svelare il mistero dei suoi fastidi, dei suoi tormenti. Tutto inutile, perché gli esami alla fine hanno tutti esito negativo e anche i farmaci che gli vengono prescritti, un po’ a tentoni se vogliamo, alla fine non risolvono il problema anzi alcuni addirittura lo acuiscono. Tra i tanti tentativi anche quello di rifugiarsi in una dieta vegana, ma con risultati disastrosi.

Alla fine, un po’ per caso, s’imbatte su Internet nel naturopata dott. Mozzi che consigliava ad una signora che soffriva più o meno dei suoi stessi problemi, di eliminare dalla sua dieta tutti i farinacei e amidi, di ridurre notevolmente la frutta e di mangiare carne e verdura. Sceglie immediatamente di seguire i consigli e le cose cominciano nettamente a migliorare, anche se non del tutto. Sempre su Internet trova i consigli del Dott. Lozio. I fermenti lattici sono la chiave del problema e si ricorda anche di come, da giovane, la birra gli desse meno fastidio se bevuta in seguito all’assunzione di fermenti lattici, anche solo dello yogurt.

Alla fine, dopo vari tentativi, trova la giusta soluzione che gli permette di Quinoarisolvere completamente i suoi problemi. L’alimentazione è alla base di tutto. Niente farinacei, amidi, pane con lievito, dolci con lieviti, alcool, poco riso, e sostituire gli amidi con quinoa o grano saraceno. Una volta a settimana la pasta di grano saraceno con un buon sugo di carne di manzo. Poca frutta, limitata per lo più al periodo primaverile ed estivo. Fermenti lattici e probiotici tutti i giorni e tanta attività fisica, sia di tipo aerobico che anaerobico.

Leggi anche

Seguici