Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Fare una buona dormita può salvarti la vita

Dormire è una necessità fisiologica che se non adeguatamente soddisfatta può avere delle gravi conseguenze. La privazione del sonno è fra le possibili cause di molti e devastanti incidenti degli ultimi decenni perché viene a mancare non soltanto la lucidità ma anche la prontezza di riflessi

di Redazione

21 Maggio 2015





Fare una buona dormita può salvarti la vita

Dormire a sufficienza salva la tua vita e quella degli altri perché quando non si è riposati si è meno reattivi e lucidi.

I ricercatori della Washington State University hanno portato a termine un esperimento scientifico relativo sugli effetti che la mancanza di sonno può avere sul cervello e sulla sua capacità di assumere decisioni importanti. Dallo studio è chiaramente emerso che se non si è riposati non si è in grado di valutare, adeguatamente, la situazione e che le conseguenze possano poi essere davvero nefaste. Quando non si dorme a sufficienza, quindi per circa sette o otto ore per notte, è molto più facile sbagliare, essere stressati o poco vigili.

Alla base di alcuni disastri, come quello di Chernobyl, ci potrebbe anche la stanchezza fisica causata da una riduzione eccessiva delle ore di sonno.



Un’ulteriore conferma a quanto affermata dai ricercatori statunitensi arriva dalla ricerca condotta presso l’Università Fare una buona dormita può salvarti la vitadel Surray che ha stabilito la relazione esistente fra il dormire poco e le malattie.

I volontari sono stati suddivisi in due gruppi; una parte doveva dormire per sette ore e mezza e i restanti per sei ore e mezza. La differenza, anche di una sola ora, ha riguardato molti aspetti della salute dei partecipanti; chi ha riposato di meno può, più facilmente, sviluppare vari disturbi fra i quali rientra anche il sovrappeso.

La privazione di sonno abbassa le difese immunitarie e influisce negativamente sulle capacità decisionali e sulla memoria, riducendola. Inoltre, favorisce l’insorgenza di alcune malattie croniche, come per esempio il diabete. Non dormire velocizza anche il processo di invecchiamento sia mentale che fisico, contribuendo alla comparsa delle odiate rughe.

Rispetto a quanto accadeva in passato, oggi si tende a dormire di meno allungando notevolmente la giornata. I risultati però non possono essere considerati positivi né per gli adulti né, tantomeno, per i più piccoli che hanno bisogno di riposare per essere attivi e concentrati.

 

Leggi anche

Seguici