Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come allenare il cervello alla felicità in modo efficace

Gli ottimisti, contrariamente a chi invece vede sempre il bicchiere mezzo vuoto, riescono a dare importanza alle cose belle della vita, e sono felici.

di Daniele Lisi

15 Aprile 2015





Alex ZanardiCome allenare il cervello alla felicità in modo efficace, come imparare ad essere ottimisti invece di pensare sempre e soltanto in negativo. Allenare il cervello alla felicità lo insegna da tempo la filosofia orientale, solo che per noi si tratta di qualcosa di nuovo cui non si è mai pensato e, soprattutto, non si è mai creduto. Eppure è possibile e lo confermano anche gli psicologi di Harvard i quali sostengono che è possibile imparare ad essere felici, perché la felicità dipende da alcuni comportamenti, da come si vedono le cose e da come si affronta la vita di tutti i giorni. Del resto, già esistono gli ottimisti che, contrariamente a chi invece vede sempre il bicchiere mezzo vuoto, riescono a dare importanza alle cose belle della vita, a trovare il lato positivo anche quando invece la vita e la fortuna sembrano voler voltare le spalle. Il segreto è tutto li, solo che non tutti riescono ad avere un atteggiamento positivo anche quando le cose non vanno bene, e questo porta ovviamente ad ingigantire ancor più i problemi, porta ansia, stress e anche depressione, qualcosa che gli ottimisti non conoscono.

Del resto vi alcune regioni del paese, quelle meno fortunate sotto diversi aspetti, così come anche alcuni paesi lontani da noi che non sono certamente floridi, dove la gente ha imparato ad accontentarsi di ciò che passa il convento, come suol dirsi, vivono con poco e sono felici e non sono preda di ansia, depressione e frustrazione. C’è un modo di dire tipico di una regione meridionale che recita più o meno così: “friggere il pesce con l’acqua”, cosa ovviamente impossibile, ma esprime un modo di essere, ovvero la capacità di ottenere il massimo dalla vita anche senza avere gli stessi mezzi di altri, ovviamente sempre nel lecito. Ci si accontenta di ciò che si ha e si vive felici.



OttimistaIl Time ha stilato una piccola lista di azioni, di comportamenti, di trucchi se vogliamo che, se messi regolarmente in atto, sono in grado di allenare il cervello ad essere felici. Il primo è pensare alle cose belle che sono capitate nel corso della giornata. Sempre, anche in uno di quei giorni in cui sembra che tutto voglia andare nel modo peggiore, ci sono delle cose, anche se piccole, che hanno dato un momento di gioia, di soddisfazione, hanno divertito. Bene, a fine giornata, muniti di carta e penna o di altro qualsiasi aggeggio tecnologico, fissare almeno tre cose positive della giornata, anche le più insignificanti, perché a volte queste piccole cose che hanno dato felicità vengono sopraffatte semmai dai momenti negativi che, proprio perché fanno più male, sono più evidenti e si fissano più facilmente nella memoria. Abituarsi invece a dare la stessa importanza anche alle cose buone è un esercizio che alla fine tornerà utile.

Ci si confronta spesso con gli altri, ma l’errore è che si tende a farlo con chi si trova in condizioni migliori di noi. Secondo gli psicologi invece bisogna confrontarsi con chi si trova peggio, e questo atteggiamento fa crescere l’autostima che invece si azzera del tutto se ci si paragona a chi sta meglio di noi. Quindi confrontarsi con chi è meno bravo, meno fortunato, meno felice, più malandato in salute, in sostanza guardarsi alle spalle e non davanti.

Ultima raccomandazione degli esperti è quella di analizzare ciò che ci è capitato nel corso dell’esistenza, cercando in tutti i modi di Bicchiereevidenziare in modo particolare ciò che di buono ci è capitato, perché sicuramente anche in un momento buio qualche cosa di buono è accaduto, anche se fa meno rumore, diciamo così, rispetto all’evento negativo nel suo complesso. Sono atteggiamenti che gli ottimisti hanno regolarmente, non per niente vengono chiamati ottimisti, e vivono sicuramente meglio di coloro che invece vedono tutto nero, il solito bicchiere mezzo vuoto. Abituarsi ad essere ottimisti aiuta ad essere più felici, anche quando oggettivamente non ce ne sarebbe motivo.

Leggi anche

Seguici