Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perché i Farmaci con Nimesulide (tipo Aulin) non sono stati ritirati dal mercato italiano?

Mentre all’estero i farmaci a base di nimesulide sono sati ritirati dal commercio, in Italia sono ancora prescrivibili e vendibili. In seguito a numerosi approfondimenti, l’Agenzia europea del farmaco ha sentenziato che questa sostanza presenta più aspetti positivi che negativi anche se deve essere impiegata con cautela

di Redazione

09 Aprile 2015





Perché i Farmaci con Nimesulide (tipo Aulin) non sono stati ritirati dal mercato italiano?

farmaci a base di nimesulide, come il noto Aulin, sono fra i più conosciuti e vengono impiegati anche per trattare la cefalea e l’influenza ma, non sono privi di effetti collaterali.

In alcuni stati, come per esempio gli Usa, il nimesulide non è commercializzato mentre in molti Paesi europei è stato vietato. In Italia invece, è ancora largamente utilizzato e prescritto perché l’Agenzia europea del farmaco ha ritenuto che non sia necessario bandirlo. Dopo alcune ricerche si è arrivati alla conclusione che questa molecola, nonostante le controindicazioni che presenti, apporti numerosi benefici.



Il nimesulide però incide negativamente sul fegato ma anche sull’apparato gastrointestinale. La sua somministrazione non è consentita a chi soffre di patologie epatiche e non può mai essere prolungata nel tempo. Gli esami condotti nel 2010 dall’Agenzia europea del farmaco hanno concluso che i farmaci a base di questa molecola debbano essere impiegati come scelta secondaria e soltanto per brevi trattamenti.

Per limitare gli effetti indesiderati a carico del fegato, l’Agenzia ha indicato delle linee guida da rispettare, secondo le quali l’utilizzo non deve mai superare i giorni prescritti e viene consigliato soltanto per brevi periodi; inoltre, la dose quotidiana massima è pari a 200 mg. Il nimesulide deve essere prescritto per i pazienti affetti da Perché i Farmaci con Nimesulide (tipo Aulin) non sono stati ritirati dal mercato italiano?dolore acuto e nelle altre condizioni, come per esempio il mal di testa. E’ stato poi sottolineato che si tratta di un farmaco che non può essere prescritto a chi soffre di problemi epatici.

Le altre novità stabilite dall’Agenzia europea del farmaco riguardano la decisione secondo la quale deve essere prescritto con una ricetta non ripetibile che non viene resa al paziente dopo l’acquisto. Per quanto riguarda i rimborsi, questi sono validi soltanto nel caso del trattamento del dolore acuto.

Per limitare gli effetti negativi che questa molecola ha sul fegato e sul tratto gastrointestinale è consigliabile ridurre al minimo il suo impiego, seguendo attentamente le prescrizioni mediche.

Leggi anche

Seguici