Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Cos’è la Misofonia? E’ l’intolleranza ai rumori della masticazione altrui

La misofonia, ossia l’intolleranza ad un rumore, è un problema ancora oggi poco studiato. Si manifesta con una forte intolleranza nei confronti di alcuni suoni, come quello della masticazione o della respirazione; secondo le ultime stime riguarda circa il 20% delle popolazione

di Redazione

31 Marzo 2015





Cos’è la Misofonia? E’ l’intolleranza ai rumori della masticazione altrui

Le persone che sono intolleranti nel sentire alcuni suoni sono definite misofone. La misofonia può essere scatenata da un commensale che mastica rumorosamente, da un collega che sbadiglia o respira in modo affannoso. Lentamente, lo stato di malessere diventa così intollerabile da rendere impossibile il proseguimento delle proprie attività.

Nei casi più gravi di misofonia , il bisogno impellente di non sentire più il rumore porta la persona a sviluppare un senso di fastidio e di rabbia tale da farlo allontanare velocemente. Questo disturbo può essere più o meno sviluppato ed invalidante in base alla gravità dei sintomi.



Vi sono soggetti che, nonostante siano misofoni, riescono comunque a tollerare gli eventuali rumori molesti senza andare incontro a scatti d’ira o manifestazioni i nervosismo. Nei casi più gravi, in presenza di suoni molesti la persona può perdere l’appetito o diventar preda di uno stato di ansia piuttosto importante. Secondo gli esperti, a dar particolarmente fastidio sono tutti i suoni prodotti con la bocca, come appunto il masticare senza troppo ritegno e lo sbadiglio, seguiti dal tamburellare delle dita e dallo scatto ripetuto della penna.

Cos’è la Misofonia? E’ l’intolleranza ai rumori della masticazione altrui Gli studi su questa patologia sono ancora piuttosto rari anche se un centro d’eccellenza per la cura è rappresentato dall’Academic medical center di Amsterdam. Gli esperti affermano che la misofonia ha diverse cause e, nella maggioranza dei casi, si manifesta in individui con un carattere compulsivo o ansioso; una componente importante riguarda l’ereditarietà. Quasi sempre però non sono presenti atri problemi di natura psicologica.

La misofonia, secondo gli ultimi dati, riguarda il 20% della popolazione e i primi sintomi compaiono durante l’adolescenza. Per quanto riguarda le cure, nonostante si sia ancora agli inizi, i medici sono orientati soprattutto verso terapie che aiutino i soggetti ad imparare a sopportare qualsiasi rumore. Attraverso specifici esercizi si cerca di rendere tutti i suoni tollerabili, abituandosi lentamente.

Leggi anche

Seguici