Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perchè gli Omega 3 e l’Olio di Krill fanno bene al Cuore?

Gli acidi grassi polinsaturi come l'Omega 3 aiutano il corpo a contrastare il colesterolo e quindi a far funzionare meglio il cuore, ma cos'è l'Omega 3 e dove lo posso trovare?

di Valeria Bonora

17 Aprile 2015





Megared

Di Omega 3 si sente parlare molto, sono stati scoperti negli anni ’70 e da allora si sono studiati moltissimo. Gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare, di conseguenza l’unico modo è fornirli al corpo con la dieta.

Perché sono così importanti gli Omega 3?
Gli acidi grassi polinsaturi sono importanti per il benessere del cuore poiché contribuiscono al buon funzionamento cardiovascolare. Essi aiutano infatti a mantenere constanti i livelli di trigliceridi e di colesterolo nel sangue, favoriscono inoltre la corretta fluidità sanguigna intervenendo sull’aggregazione piastrinica e la pressione all’interno dei vasi. Tutti questi fattori aiutano a mantenere un cuore sano.

Sono quindi utili per una vita sana ed equilibrata soprattutto se associati ad un buon programma di fitness come quello che hanno intrapreso gli otto sedentari del progetto “Un passo per il tuo cuore“, i quali, oltre a prepararsi fisicamente per la mezza maratona della StraMilano, hanno integrato la loro dieta con gli Omega 3.

Dove si trovano gli Omega 3?



img-heart-omega-3-1Le fonti di questi acidi grassi polinsaturi sono i pesci dei mari freddi, l’olio, la frutta secca e i semi di lino, ma difficilmente si riesce ad integrare la giusta quantità di Omega 3 solo con gli alimenti. Per questo motivo è bene integrarli con le capsule di olio di pesce o meglio con le capsule Megared a base di olio di Krill, fonte naturale di Omega-3, in particolare EPA e DHA che contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca*.

Il krill è un minuscolo crostaceo che vive in enormi banchi nelle acque dell’Oceano Antartico. La sua biomassa è circa il doppio di quella degli esseri umani sul pianeta. Tuttavia solo una piccola parte di krill viene pescato, attraverso un metodo sostenibile che ha ottenuto la certificazione Marine Stewardship Council.

Il Krill si nutre principalmente di alghe, una delle fonti più ricche di Omega-3. Gli Omega-3 si accumulano all’interno del Krill e vengono poi estratti da questo ultimo sottoforma di Olio.

L’olio di Krill ha dimostrato di avere una maggiore biodisponibilità dell’olio di pesce, in quanto contiene acidi grassi veicolati tramite fosfolipidi (molecole dalla struttura simile a quelle delle nostre cellule, quindi più facilmente riconosciute ed assorbite). Questo comporta che l’olio di krill dimostri una maggiore solubilità, una maggiore dispersione nei liquidi (anche nello stomaco) e, una volta assunto in capsule, non dà luogo ai fastidiosi episodi di sgradevole ritorno di gusto.

 

* L’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 250 mg di DHA

Leggi anche

Seguici