Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Rinite allergica: i rimedi naturali

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Ci siamo, la primavera ormai è alle porte,  e la rinite allergica comincia a far capolino nei soggetti che ne soffrono, soggetti sempre più  alla ricerca di soluzioni e rimedi, anche naturali, per cercare di vivere tranquillamente questa bella stagione dell’anno. Soprattutto dopo un inverno come quest’ultimo, ...

di Daniele Lisi

19 Marzo 2011





riniteCi siamo, la primavera ormai è alle porte,  e la rinite allergica comincia a far capolino nei soggetti che ne soffrono, soggetti sempre più  alla ricerca di soluzioni e rimedi, anche naturali, per cercare di vivere tranquillamente questa bella stagione dell’anno.
Soprattutto dopo un inverno come quest’ultimo, caratterizzato da freddo intenso e intensa piovosità, la natura è pronta per esplodere e, visto anche l’innalzarsi un po’ fuori dell’ordinario, delle temperature di questi giorni, gli starnuti cominciano a farsi sentire.

La rinite allergica, che potremmo più semplicemente chiamare allergia,  è in pratica una iperattività o, se volgiamo ancora semplificare, una reazione esagerata del sistema immunitario nei confronti  di sostanze per lo più innocue per la maggior parte delle persone. Questa  ultima affermazione, tuttavia, è alquanto azzardata, in quanto negli ultimi anni si è assistito ad un progressivo aumento dei soggetti  allergici, la cui causa non né ben chiara, ma che potrebbe comunque essere ricondotta alla indubbia mutazione climatica in atto o, ancora, al sempre più presente inquinamento atmosferico.

L’allergia è sempre rappresentata da due fasi, la prima di sensibilizzazione e la seconda di reazione. Nella fasi di sensibilizzazione, il sistema immunitario, nel momento in cui viene a contatto con le sostanze irritanti, siano esse polline, polvere o altro, produce degli anticorpi specifici, Ige. Nella seconda fase, quella di reazione,  l’antigene, ovvero la sostanza irritante, si lega all’Ige e provoca la reazione dell’organismo con i sintomi che tutti conosciamo, ovvero vengono liberati dei mediatori chimici che provocano vasodilatazione ed aumento dell’attività delle ghiandole secretorie. Da qui ecco gli starnuti, la lacrimazione oculare eccessiva, il naso che gocciola e così via.
Il Gemmo derivato del Ribes NigrumLa rinite allergica non è necessariamente legata esclusivamente al periodo primaverile, ma il più delle voltte va anche oltre, fino all’autunno. Del resto, il periodo nel quale la natura è viva ed attiva è questo indicato, variano solo le specie erbacee o arboree interessate alla produzione di semi e, quindi, di polline.



In primavera tocca agli alberi come la quercia, la betulla, il pioppo e l’olmo; in estate tocca alle graminacee; in autunno è la volta delle erbe selvatiche la più nota delle quali è la parietaria, presente praticamente ovunque, che non da scampo.
Oltre ai soliti medicinali che l’industria farmaceutica e la ricerca sfornano continuamente, per risolvere o, quantomeno, alleviare il problema, è possibile anche fare ricorso a rimedi naturali, un po’ come dire che la natura da un lato dà e dall’altro toglie, o viceversa.
Gli amici che in questo caso possono venire in aiuto del soggetto allergico sono diversi e ne prenderemo in considerazione alcuni scelti tra i più comuni.

Ribes nigrum o ribes nero,  è un antinfiammatorio antiallergico naturale. Per combattere le manifestazione allergiche la parte da prendere in considerazione è il Gemmo Derivato,  dotato di proprietà antiallergiche tali da essere definito  cortison like vegetale, senza del resto avere gli effetti collaterali del cortisone, e non è poco.  La sua azione è stimolante nei confronti del surrene che aumenta la concentrazione di cortisolo nel sangue.  Questa azione è di importanza fondamentale, proprio nelle manifestazioni infiammatorie e allergiche.

Cumino

I semi di Cumino

Altro amico, poco noto a dire il vero,  è il Cumino,  pianta largamente coltivata e utilizzata in Egitto, Asia ed Europa meridionale. I suoi semi sono per lo più utilizzati come spezia, al pari di anice e finocchio e oltre ad essere un gradevole aromatizzante, ha proprietà digestive e antidolorifiche e riduce il ristagno dei gas nel tubo digerente. Sono ricchi di vitamine B1, B2, B3, B6, C e k e anche di sali minerali quali calcio, sodio, magnesio, selenio e altri ancora.

Ma oltre a queste già note proprietà è un antinfiammatorio e antiallergico grazie alla presenza di un olio fisso ricco di acido linoleico e acido gamma-linoleico, sostanza in grado di modulare le risposte immunitarie dell’organismo e, quindi anche quelle legate alla reazione allergica.
Di armi per combattere l’allergia come si vede ce ne sono, basta conoscerle e, quindi, usarle in modo appropriato.

Leggi anche

Seguici