Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Bere il Latte è contro natura? Fa bene o fa male?

Il latte fa male? Può essere contro natura? Qualche spunto per capire meglio

di Redazione

14 Dicembre 2014





Bere il Latte è contro natura? Fa bene o fa male?

Il dibattito scientifico e culturale sull’opportunità di consumare il latte in età adulta è più vivo che mai e vede una netta contrapposizione fra coloro che sostengono sia necessario abolirlo e quanti sono convinti del contrario. Insomma bere latte fa bene o male?

L’essere umano, fino ad un’età circa sei anni, produce un enzima particolare, la lattasi che si occupa di scomporre il lattosio in galattosio e glucosio; in seguito questa capacità scompare e in alcuni soggetti si manifesta un’intolleranza anche se ciò non avviene sempre. Infatti, alcuni individui, riescono ad introdurre il latte senza riscontrare nessun problema pur non possedendo più la lattasi.



I sintomi di questa intolleranza sono ma di pancia, diarrea, meteorismo e crampi. Proprio in virtù di questo fatto, in molti affermano che il latte non sia adatto agli adulti. Di contro, alcuni esperti sostengono che proprio il fatto che una parte dell’umanità non sia intollerante e quindi lo possa assumere senza problemi sia il chiaro segno Bere il Latte è contro natura? Fa bene o fa male?dell’evoluzione. Nel corso de tempo, la specie umana si sarebbe evoluta in modo che gli zuccheri del latte non creassero più fastidi, consentendo quindi di introdurre sostanze molto preziose come la vitamina D, le proteine ed il calcio. Ecco perché parrebbe sbagliato affermare che il consumo di latte nel periodo successivo all’infanzia sia contro natura.

Alcune ricerche condotte sull’intolleranza al lattosio hanno sottolineato che la somministrazione continuata nel tempo di tale sostanza può, alla lunga, contribuire a risolvere il problema, consentendo quindi di alimentarsi anche con il latte.

Per quanto riguarda le caratteristiche nutrizionali, il latte è considerato particolarmente utile e benefico perché contiene numerose vitamine, come quelle del gruppo B, sali minerali e proteine. Bisogna evidenziare però, che molte di queste sostanze vengono meno in seguito al processo di pastorizzazione e di scrematura che incide, negativamente, soprattutto sulla percentuale di grassi e vitamine.

Come spesso accade, mancando delle prove schiaccianti a favore di una tesi o dell’altra è consigliabile consumare il latte, senza eccedere, all’interno di un’alimentazione sana e variata.

Leggi anche

Seguici