Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Manovra Antisoffocamento: come eseguire un gesto che può salvare la vita ai Bambini

Capita troppo spesso che i bambini ingeriscano piccoli oggetti o bocconi troppo grandi, tanto da rischiare il soffocamento. Per questo è importante che genitori ed adulti imparino quali siano le manovre da effettuare per un pronto intervento efficace.

di Redazione

09 Dicembre 2014





Manovra Antisoffocamento: come eseguire un gesto che può salvare la vita ai Bambini

L’asfissia, o il così detto soffocamento, è causato dall’ostruzione delle vie respiratorie. Nei bambini si tratta di un’evenienza piuttosto frequente che può essere causata dall’ingestione di piccoli oggetti, come monete, bottoni o mini batterie.

Appena ci si rende conto che è in atto il soffocamento è fondamentale contattare il soccorso, chiamando il 118; immediatamente dopo è possibile provare la così detta manovra di Heimlich.

Ecco come procedere.

E’ necessario posizionarsi dietro il bambino sofferente, abbracciandolo in modo che le mani siano poste fra lo sterno ed il ventre. Con un energia bisogna muovere il pugno verso l’alto in modo da favorire la fuoriuscita del corpo estraneo.



L’alternativa a questa manovra di antisoffocamento sono le pacche interscapolari che si realizzano colpendo l’area che riguarda le scapole del piccolo. E’ molto importante che il movimento sia preciso e definito; per evitare movimenti inconsulti da parte del bambino, è opportuno tenerlo ben fermo o abbracciandolo oppure facendolo sdraiare sulle cosce. Grazie a questi movimenti le vie aeree vengono stimolate e il bambino riuscirà ad espellere l’oggetto che impedisce la respirazione. Se il risultato di questa manovra non dovesse essere positivo è possibile ripetere la manovra antisoffocamento attendendo poi l’arrivo dei soccorsi.

Manovra Antisoffocamento: come eseguire un gesto che può salvare la vita ai BambiniLe manovre per liberare le vie aeree sono fondamentali perché può capitare di andare incontro ad un episodio di soffocamento anche in età adulta per vari motivi, anche per via di un boccone di dimensioni eccessive.

I sintomi principali che si manifestano in caso di ostruzione delle vie aeree sono la tosse, l’improvviso arrossamento del viso che nel giro di pochi attimi diventa cianotico. Se la situazione non viene sbloccata, il piccolo perde conoscenza per via della mancanza di ossigeno.

La tosse non deve mai essere bloccata perché rappresenta una reazione naturale, attraverso la quale cercare di espellere il corpo estraneo.

Per imparare correttamente ad eseguire queste manovre di antisoffocamento è possibile partecipare ad uno dei numerosi corsi che vengono organizzati anche dalle associazioni di primo soccorso.

Leggi anche

Seguici