Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Disturbi del Sonno, cosa fare per Dormire bene

Il sonno è una fase fondamentale della vita di ogni essere vivente. Si dovrebbe trascorre dormendo almeno un terzo della propria vita.

di Daniele Lisi

06 Dicembre 2014





InsonniaDisturbi del Sonno, cosa fare per Dormire bene, perché il buon sonno è sinonimo di buona salute, e non solo, perché dormire bene consente di affrontare in perfetta forma la nuova giornata che ci aspetta. Da uno studio condotto dal Centro Medico Santagostino di Milano, è emerso che gli italiani non dormono bene e, nello specifico, che 6 milanesi su 10 o non dormono a sufficienza, o hanno una cattiva qualità del sonno, e questo è certamente un dato negativo. Il sonno è una fase fondamentale della vita di ogni essere vivente. Si trascorre dormendo almeno un terzo della vita, facendo una media di 8 ore di sonno nel corso delle 24 ore, anche perché dormire di meno non aiuta a ricaricare le batterie, non mette l’organismo nelle condizioni di rendere al meglio. Il ciclo veglia-sonno è gestito da una serie di fattori, non ultimo l’orologio circadiano, l’orologio interno che prende il suo nome dal fatto che il ciclo è di circa 24-25 ore. Risente dell’esposizione alla luce, per cui dormire con la luce accesa o comunque con una certa luminosità che inonda la stanza, è negativo.

Ma il sonno, o meglio, un sonno regolare e di buona qualità dipende anche dallo stato d’animo, dallo stress, dall’ansia, tutte condizioni che influiscono negativamente sul sonno, per cui l’insonnia non è un disturbo a se stante, ma dipende essenzialmente da questi fattori. Anche l’alimentazione è molto importante, perché alcune categorie di alimenti aiutano a indurre il sonno, mentre altre lo fanno meno e non lo fanno affatto. Per esempio, il fatto che la sera si tende a non mangiare pasta o altri carboidrati perché si ritiene che questi possano essere pesanti, o perché sconsigliati dalla dieta, è un errore perché proprio i carboidrati, ovvero gli alimenti ad elevato indice glicemico, favoriscono il sonno, accelerano la fase di addormentamento, sempre che li si assumano almeno  un’ora prima di coricarsi.



SonnoUna dieta ricca di proteine poi, proteine che ovviamente non devono necessariamente essere di origine animale, anzi, tranne l’albume dell’uovo, migliora la qualità del sonno, per cui se si dorme male, o se si ha difficoltà ad addormentarsi, probabilmente è anche colpa dell’alimentazione che non è adatta. Per esempio, alimenti ricchi di grassi invece, sortiscono l’effetto contrario, ovvero riducono le ore di sonno, fanno dormire decisamente peggio. Quindi, è necessario, come prima accorgimento da prendere per migliorare il proprio sonno, modificare le abitudini alimentari, sempre cercando ovviamente di fare in modo che la dieta sia equilibrata, mai sbilanciata a favore di un tipo di alimento rispetto ad un altro.

Chi ha difficoltà ad addormentarsi, potrebbe ricorrere anche ad alcuni alimenti ricchi di determinate sostante, come il triptofano, e gli alimenti che ne sono particolarmente ricchi sono i semi di zucca, il tacchino, il cioccolato, le banane, le arachidi. Anche l’attività fisica ha la sua importanza. Questa, oltre ai tanti altri vantaggi per la salute, aiuta a dormire meglio e anche a facilitare la fase di addormentamento, ma c’è un ma, perché questo vale per l’attività fisica praticata la sera, mentre gli allenamenti mattutini hanno meno rilevanza sul sonno.

È possibile ricorrere anche ad alcuni rimedi naturali che non solo conciliano il sonno, ma aiutano anche ad avere un sonno di buona qualità. Tisana alla camomillaTra questi le tisane al finocchio, all’iperico, alla valeriana e alla camomilla, tutte bevande che aiutano a lenire una insonnia leggera, perché tendono in qualche modo a ridurre le cause che la determinano come lo stress e l’ansia. Infine la camera da letto, che dovrebbe essere il posto più tranquillo e accogliente della casa. Niente luci, nemmeno soffuse, per cui è bene dotare le finestre e i balconi di imposte, o tendaggi, in grado di evitare che la luminosità esterna possa penetrare nella stanza, soprattutto poi se questa si affaccia su di una strada la cui illuminazione notturna è particolarmente efficiente.

Leggi anche

Seguici