Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il movimento tiene la mente giovane ed allenata

Muoversi fa bene, ecco perchè è necessario muoversi. Persino la mente sta meglio

di Redazione

18 Novembre 2014





Il movimento tiene il cervello allenato e giovane, a qualsiasi età

benefici dell’attività fisica sono ormai noti a tutti e comprendono non soltanto la possibilità di contrastare l’insorgenza di svariate patologie ma anche quella di invecchiare meno e meglio.

Lo sport aiuta a restare belli e giovani perché svolge un effetto positivo sulla mente ma anche sul fisico; secondo alcune ricerche, chi si muove con regolarità ha un intelletto ed una pelle meno segnata dal tempo che passa. Il nostro organismo è stato progettato per il movimento che risulta fondamentale per contrastare il naturale processo di invecchiamento.

I ricercatori dell’università del Minnesota hanno preso in esame 3mila pazienti con un’età anagrafica compresa fra i 20 ed i 30 anni, analizzando le loro capacità mentali. Lo studio ha poi preso in esame gli stessi partecipanti dopo circa 25 anni e si è arrivati a concludere che chi ha svolto movimento vanta maggiori capacità celebrali, anche in età avanzata. Praticare sport quindi, aiuta a contrastare il passare del tempo e a mantenere attivo e sano il nostro cervello

Gli studiosi sono convinti che il cervello di chi fa sport invecchia di meno per svariati motivi, compreso il fatto che il movimento contribuisce a rafforzare alcune funzioni basilari come le associazioni e la memoria. Inoltre, chi si Il movimento tiene il cervello allenato e giovane, a qualsiasi etàmuove ha livelli inferiori di colesterolo nel sangue, ha meno possibilità di ammalarsi di diabete e ha un cuore più sano.



La scoperta dei ricercatori statunitensi si colloca fra tante altre ricerche che evidenziano come lo sport sia necessario a tutti: dall’infanzia siano alle persone in là con gli anni. Ridurre la sedentarietà porta importanti benefici a tutti, migliorando anche la qualità di vita

Uno studio condotto presso l’università di Madrid sui ragazzi che frequentano la scuola ha concluso che i risultati migliori erano appannaggio di chi si allena con costanza. Pare infatti, che esista una correlazione stringente fra il praticare movimento fisico e il rendimento scolastico.

L’indagine, che ha coinvolto ragazzi fino ai 18 anni, ha mostrato che chi non svolgeva attività motoria non andava bene a scuola, al contrario di chi svolgeva sport. Lo studio ha permesso di evidenziare che l’attività fisica contribuisce non soltanto a scaricare le tensioni e ad essere più sereni e ricettive ma anche a migliorare e ad incrementare alcune capacità, come quelle mnemoniche.

Muoversi migliora l’umore, facilita i contatti sociali e aiuta lo sviluppo intellettuale che ha ripercussioni importanti sugli esiti scolastici. Un bambino che si muove è più sano, più energico ed attivo, tutte qualità che lo rendono più bravo sui banchi di scuola.Il movimento tiene il cervello allenato e giovane, a qualsiasi età

Frequentare una palestra ma anche andare a correre è un toccasana per il nostro organismo che produce una quantità maggiore di endorfine, responsabili del senso di benessere. Muoversi aiuta la concentrazione e permette di arrivare alla soluzione dei problemi con maggior facilità; inoltre, consente di prendersi cura della propria salute e bellezza anche in previsione del futuro.

Un corpo tonico ed allenato tiene meglio il passare del tempo, anche da un punto di vista estetico; inoltre,  si combattono meglio le malattie che riguardano la terza età, come il sovrappeso, il mal di schiena e la difficoltà di svolgere alcuni movimenti.

Leggi anche

Seguici