Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Diabete, come monitorare il glucosio nel sangue

Controllare i valori di glicemia non è piacevole, un buco nel dito ogni volta, un metodo che spesso incentiva le persone a non controllare i propri livelli di zucchero nel sangue, ma oggi c'è un'alternativa: FreeStyle Libre della Abbott, ecco cos'è.

di Valeria Bonora

10 Novembre 2014





Il diabete è una di quelle malattie che va tenuta costantemente sotto controllo, ogni giorno, spesso anche più volta al giorno è necessario controllare il livello di glucosio nel sangue per sapere se c’è la necessità o meno di una dose di insulina, o anche solo per tenere sotto controllo l’andamento e il dosaggio delle iniezioni.
Fino ad oggi l’analisi del glucosio era una fastidioso buco in un dito fatto da una macchinetta che poi leggeva il valore, certamente non è una cosa dolorosissima o insopportabile, però mi è capitato di dover fare l’analisi del glucosio e di sicuro non è piacevole, finite le 10 dita bisogna ricominciare e dopo anni di utilizzo non oso immaginare i polpastrelli delle dita come si riducono.
diabete_46611
Per fortuna c’è anche qualche azienda che pensa a rendere le malattie più sopportabili, più vivibili e una di queste è Abbott che ha lanciato sul mercato italiano  FreeStyle® Libre, il rivoluzionario sistema di monitoraggio FLASH del glucosio.
Questo sistema è il primo al mondo che riesce a dare un profilo glicemico completo senza la necessità di forare il dito, è discreto e si indossa comodamente sotto gli abiti e aiuta pazienti e medici nella gestione quotidiana del diabete, aiutando anche quelle persone che finora non riuscivano a tenere sotto controllo l’andamento costantemente proprio a causa della puntura sul dito, che  diciamolo è un ottimo deterrente per la non misurazione dei livelli di zucchero nel sangue.
FreeStyle Libre
 Questo sistema di monitoraggio della Abbott FreeStyle Libre, è dotato di un sensore da applicare sul corpo, precisamente sulla parte posteriore del braccio, e da un lettore che rileva i dati quando viene passato sul sensore.
Il sensore è molto discreto, grande quanto una moneta da due euro, inserisce un sottile filamento sottocute e rimane attaccato alla pelle grazie ad un adesivo; il sensore va sostituito ogni 14 giorni e non bisogna preoccuparsi, può essere indossato mentre si fa la doccia, mentre si fa sport e anche se si va in piscina.
L’intero sistema è già stato approvato in sette paesi europei: Italia, Germania, Francia, Olanda, Spagna, Svezia e Regno Unito ed ora anche in Italia.


FreeStyle Libre
A parlare del sistema innovativo di Abbott FreeStyle Libre è Emanuele Bosi, professore associato Dipartimento ”Endocrinologia e Diabetologia” Università Vita-Salute, S. Raffaele, Milano:
“Questo sistema apre una nuova era nel monitoraggio della glicemia poiché consente di controllare facilmente i livelli di glucosio sfruttando una tecnologia avanzata con sensori da indossare, senza usare lancette e senza pungere il dito. FreeStyle Libre elimina il peso del controllo della glicemia e permette alle persone con diabete e ai medici di comprendere meglio il profilo glicemico e attuare le migliori strategie terapeutiche per un’ottimale gestione del diabete.”
Anche Salvatore Caputo, presidente di “Diabete Italia” parla di Abbott FreeStyle Libre, spiegando come in Italia una persona diabetica su due non si tiene sotto controllo regolarmente proprio a causa della puntura del dito, e questo fa si che il paziente vada incontro a crisi ipoglicemiche tre volte di più di chi si controlla regolarmente, inoltre il paziente che non si controlla viene ospedalizzato il doppio rispetto a chi monitorizza costantemente i valori di glicemia nel sangue.
FreeStyle Libre
I dati che vengono raccolti da FreeStyle® Libre sono elaborati grazie all’Ambulatory Glucose Profile (AGP), un software avanzato che riassume statisticamente i dati standardizzati della glicemia e li visualizza graficamente, con un’interfaccia chiara e intuitiva, in pattern glicemici giornalieri di immediata comprensione; ad ogni scansione ottenuta passando il lettore sul sensore, anche attraverso i vestiti, viene visualizzato il valore del glucosio attuale, lo storico del glucosio delle ultime 8 ore e una freccia di andamento che indica se i livelli del glucosio stanno aumentando, diminuendo o variando lentamente.
Diventa quindi una fonte importante non solo per il paziente che tiene sotto controllo la malattia, ma anche per il medico che avrà dati sufficienti per controllarne l’evoluzione, capire meglio come progredisce o come si stabilizza, e soprattutto può aiutare a trovare soluzioni mirate e sicuramente più efficaci.
L’idea di bucarsi il dito non è delle migliori ma fino ad oggi non c’erano alternative al dolore, adesso l’alternativa c’è ed è anche anche un’ottima alternativa, non impegnativa, non imbarazzante, non invadente: un sensore discreto ed un lettore chiaro e facile da usare, niente di più.

Articolo Sponsorizzato

Leggi anche

Seguici