Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Ora solare, riconoscere e gestire i disturbi del cambio d’ora

Di norma il cambio di orario n crea effetti di alcun genere, tuttavia in alcuni il passaggio risulta essere leggermente più complicato.

di Daniele Lisi

27 Ottobre 2014





Ora solareOra solare, riconoscere e gestire i disturbi del cambio d’ora che comunque non interessano tutti, ma solo i soggetti che potremmo definire più sensibili. Il ciclo giorno-notte, così come quello veglia-sonno, sono gestiti dall’orologio biologico interno, presente in tuti gli essere viventi, quindi anche nei vegetali, l’orologio circadiano, che deve il suo nome al fatto che il suo ciclo è di circa 24 ore, per la precisione quasi 25. Questo consente, nella maggior parte dei casi, di gestire in maniera del tutto trasparente il passaggio dall’ora legale a quella solare, un po’ meno quando avviene il contrario, perché in sostanza si tratta, se vogliamo, di dormire un po’ in più e non in meno. Solitamente, come detto in precedenza, il cambio non crea effetti di alcun genere, tuttavia in alcuni il passaggio risulta essere leggermente più complicato, verrebbe da dire più traumatico, anche se alla fine è possibile gestirlo abbastanza facilmente. Il solo vero problema è rappresentato dalla repentina diminuzione delle ore di luce, e questo potrebbe generare un po’ di malumore, anche depressione in alcuni casi, perché la serotonina, l’ormone del benessere, risente appunto dell’esposizione alla luce che è poi ciò che aiuta il cervello a secernerla.

Infatti, tra i disturbi legati al cambio di orario vi è anche il cattivo umore, che in alcuni casi può essere quasi una leggera depressione. Mancando la serotonina, è facile che l’umore ne risenta, per cui potrebbe essere utile cercare di esporsi più a lungo alla luce solare, in questo caso in quelle ore in cui solitamente non lo si fa, perché si resta in casa o si è al lavoro. Meglio quindi, nella pausa pranzo, trascorrere del tempo all’aperto, così da limitare i danni, si potrebbe dire. In tutti i casi anche l’alimentazione può aiutare a ritrovare il buonumore perché vi sono alcuni alimenti che stimolano la prodizione di serotonina, in particolare il cioccolato, ricco di zuccheri semplici e di sostanze psicoattive che è una gioia non solo per il palato ma anche per il naso grazie al suo  soave ed inebriante profumo, senza dimenticare poi le castagne, banane, ananas, fagiolini verdi, semi di girasole e spinaci. La scelta è ampia.



Disturbi del sonnoTuttavia i disturbi che più frequentemente si associano al cambio di orario sono quelli del sonno. Perché ci si potrebbe avvertire una certa difficoltà nel riposo notturno. Ma come, per solo un’ora di differenza, potrebbe obiettare qualcuno? Come detto in precedenza, non è una regola, tuttavia vi sono persone che più di altre ne risentono, per cui devono ricorrere a qualche piccolo stratagemma per ritrovare il normale ciclo di veglia-sonno. In un certo senso questo va riprogrammato, e per farlo potrebbe essere utile mettere la sveglia sempre allo stesso orario, anche nel fine settimana solitamente dedicato al riposo, o ancora evitare cene troppo abbondanti prima di coricarsi. Meglio una cena leggera e, soprattutto, almeno 3 ore prima di infilarsi sotto le coperte.

Altro disturbo possibile è quello dell’alimentazione, nel senso che si potrebbe soffrire di inappetenza o, al contrario, di troppa fame. Il primo problema è legato ai disturbi del sonno ma anche ad un’alterazione ei normali rimi biologici, mentre la seconda è determinata dal fatto che si mangia un’ora più tardi del solito. Il tutto piò essere gestito con calma, perché comunque è necessario qualche giorno di adattamento alla nuova Mal di testacondizione. Qualche spuntino per controllare la fame, può aiutare a velocizzare l’adattamento.

Infine, un po’ di stress e qualche mal di testa di troppo che possono rappresentare un problema perché limitano la concentrazione nel lavoro e la serenità di tutti i giorni. Un po’ di attività fisica aiuta a produrre quelle endorfine che da sole sono in grado di risolvere il problema. In tutti i casi, con qualche giorno di adattamento naturale, tutti i mali scompariranno così come si sono presentati.

Leggi anche

Seguici