Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Allergia agli Acari, quali Sintomi non trascurare assolutamente

Gli acari sono degli artropodi che si nutrono delle desquamazioni degli umani e degli animali, per cui in casa si trovano perfettamente a loro agio.

di Daniele Lisi

25 Ottobre 2014





AllergiaAllergia agli Acari, quali Sintomi non trascurare assolutamente per evitare il rischio di problemi respiratori. Gli acari sono degli artropodi che si nutrono delle desquamazioni degli umani e degli animali, per cui in casa si trovano perfettamente a loro agio: possono infatti mangiare, vivere in un ambiente caldo e umido ed essere di fatto indisturbati. Eliminarli del tutto è evidentemente difficile, se non addirittura impossibile, ma comunque con qualche accorgimento è possibile limitarli in maniera significativa. L’allergia agli acari della polvere è abbastanza diffusa, praticamente per chi ne soffre rappresenta un problema sempre presente, non essendo infatti stagionale come per le allergie ai pollini che, quindi, hanno un andamento che segue la fioritura delle piante. Gli acari della polvere sono responsabili del 75% delle allergie respiratorie, e non è poco, considerando appunto che è difficile liberare le case dalla loro presenza. Di norma si tratta di problemi più che fastidiosi che altro, tuttavia in alcuni casi e con soggetti particolarmente sensibili, possono rappresentare un problema più serio, non fosse altro perché possono essere causa di una non proprio perfetta qualità di vita.

La sintomatologia legata a questo tipo di allergia è solitamente rappresentata da problemi respiratori come asma e rinite, ma non è raro che siano accompagnati da arrossamento e lacrimazione degli occhi, senso di spossatezza, stanchezza diffusa, disturbi del sonno e, ovviamente, tosse, congestione nasale, irritazione di naso e gola, prurito. Il problema è che questi sintomi, seppur non troppo intensi possono durare l’intera giornata e, quel che è peggio anche nelle ore notturne il che determina una cattiva qualità del sonno che poi ha effetti significativi sulla forma fisica del giorno successivo. Il problema resta, quindi, come fare a liberarsi di questi indesiderati coinquilini, per nulla invitati, ma che difficilmente si lasciano convincere a lasciare la casa.



AcariDel resto le pareti domestiche rappresentano il loro ambiente ideale: come detto in precedenza, cibo in abbondanza e clima perfetto. La prima cosa da fare è cercare di eliminare l’umidità ambientale che è presente in varia misura un po’ in tutte le case. È possibile ricorrere ad un deumidificatore oppure ad alcuni dispositivi che funzionano senza energia elettrica e che convertono l’umidità ambientale in acqua che convogliano in un raccoglitore che è possibile poi svuotare facilmente. Costano pochi euro e sono veramente efficaci. Sarà inoltre necessario arieggiare gli ambienti domestici scegliendo le ore in cui l’umidità atmosferica è meno evidente, quindi un paio di volte nell’arco della giornata.

Con l’avvicinarsi dell’inverno, ormai è alle porte, l’ambiente domestico è certamente più umido rispetto alla bella stagione, complice anche il fatto che si tengono quasi sempre chiuse le finestre. Oltre  a contrastare l’umidità, è necessario pulire con l’aspirapolvere tutti i locali della casa, soffermandosi specialmente su tappeti, tendaggi, cuscini, divani e superficie del letto. Alcuni rimedi naturali possono dare una mano in maniera abbastanza efficace e tra questi il tè. Basta mettere due bustine di tè in uno spruzzino assieme a dell’acqua tiepida, lasciare in infuso per qualche minuto e poi spruzzare su materasso, cuscini, divani, insomma su tutte le superfici in stoffa, e poi fare asciugare bene le superfici trattate. Effettuare questo intervento almeno ogni 15 giorni.

PuliziaAltra soluzione naturale è rappresentata dal bicarbonato di sodio i cui cristalli riescono ad inibire lo sviluppo degli acari. Basta distribuire 3 cucchiai di bicarbonato di sodio sulla superficie interessata e lasciare agire per un paio d’ore, dopo di che rimuovere il tutto con l’aspirapolvere. Un utilizzo costante di questo rimedio riuscirà, se non proprio ad eliminare del tutti gli acari della polvere, quanto meno a limitarli in maniera significativa. Bastano poche attenzioni, un po’ di buona volontà, e il problema può esser affrontato e risolto quasi del tutto, il che è un notevole passo avanti.

Leggi anche

Seguici