Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Abitudini alimentari corrette che potrebbero allungare la tua vita

Una ricerca francese ha dimostrato che bere tè al posto del caffè riduce di ben il 24% il rischio di morte precoce e che addirittura il tè verde aiuta ad allungare la vita.

di Daniele Lisi

24 Ottobre 2014





Tè verdeAbitudini alimentari corrette che potrebbero allungare la tua vita, quelle che ci consentirebbero di poter contare su di una migliore aspettativa di vita. Altre abitudini, che potremmo quindi definire cattive, sono invece responsabili di una vita a volte piena di acciacchi oppure con una salute non proprio brillante, per cui andrebbero evitate. Gli uomini, ad esempio, possono contare su una vita più breve rispetto alle donne, ma questo è dovuto, più che ad un fatto genetico, a delle cattive abitudini che sono tipiche dei maschietti, per cui basterebbe conoscerle per fare concorrenza all’aspettativa di vita del gentil sesso. Le donne dal canto loro, negli anni hanno invece raggiunto gli uomini nell’incidenza di alcune malattie, come cancro al polmone o altre malattie dell’apparato respiratorio, altrettanto gravi, perché sono diventate tabagiste al pari degli uomini, cosa che nel passato non erano perché il fumo era considerato, per convenzione sociale, non adatto alle signore. Ma i tempi cambiano, e quindi la lotta par la parità dei sessi a portato anche ad essere esposti a dei rischi per la salute che prima non appartenevano alle donne.

Per esempio, una ricerca francese ha dimostrato che bere tè al posto del caffè riduce di ben il 24% il rischio di morte precoce non cardiovascolare e che addirittura il tè verde aiuta ad allungare la vita. E qui entrano in gioco le abitudini personali, con le donne che sicuramente bevono più tè rispetto agli uomini e quindi possono contare su di un aiuto in più. Basterebbe allinearsi per poter acquisire le stesse, o quasi, prerogative, per poter aspirare ad una aspettativa migliore rispetto all’attuale. Ma gli uomini preferiscono il caffè al tè, e fin quando non se ne faranno una ragione, fin quando non cambieranno le loro abitudini, tutto resterà immutato.



CuoreLa ricerca citata in precedenza si è avvalsa della collaborazione volontaria di alcune migliaia di soggetti di tutte le età ed è durata per diversi anni, dal 2001 al 2011, quindi decisamente attendibile. Il tè si è dunque dimostrato essere un vero amico della salute, perché riesce anche a ridurre il rischio di ipertensione, visto che aiuta ad abbassare la pressione di almeno 5 unità. Ma i vantaggi del tè non sono solo questi. Il tè verde, in particolare, è una bevanda eccellente, in quanto tra le altre cose, è una fonte quasi inesauribile di antiossidanti, i nemici dei radicali liberi, che poi sono i veri responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Questo, ovviamente, accresce il rischio cancro, e non solo, perché i radicali liberi, essendo continuamente a caccia dell’elettrone che a loro manca e che quindi devono recuperare da altre cellule, mettono in moto un meccanismo globale in cui ciascuna cellula depredata di un elettrone farà altrettanto con un’altra cellula per recuperare ciò che le è stato sottratto. Questo determina una condizione di estrema instabilità cellulare diffusa, cosa che favorisce la nascita di una cellula anomala che può dare nella maggior parte dei casi, origine ad un tumore.

Ma non solo, perché i radicali liberi partecipano attivamente alla comparsa di malattie degenerative quali l’Alzheimer, per cui l’assunzione del tè verde in questo caso, ma anche di tanti altri alimenti ricchi di antiossidanti, Tè verdeè fondamentale per ridurre in maniera significativa il rischio. Quindi il tè verde dovrebbe essere sempre presente in cucina e si dovrebbe prendere l’abitudine di farne un maggior uso. È una questione di abitudine, ovviamente, potrebbe anche non essere gradito a tutti in quanto ha un sapore un po’ diverso dal solito, però ne esistono anche alcuni in cui sono presenti altri elementi che rendono il suo sapore decisamente più invitante. Del resto cosa costa provare. Certamente gli effetti positivi non si vedranno nell’immediato, ma nel lungoperiodo, ma vale certamente la pena fare un tentativo.

Leggi anche

Seguici