Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Uomini raccontano l’Amore: Quando ho capito che era quella giusta

Quello che rende il rapporto solido e duraturo è ciò che si sente dentro, ciò che si è, le cose che si condividono in perfetta sintonia.

di Daniele Lisi

08 Ottobre 2014





Anima gemellaUomini raccontano l’Amore: Quando ho capito che era quella giusta. Ogni uomo avrà sicuramente una storia diversa da raccontare, perché possono essere tanti e diversi tra loro i motivi che inducono una persona a comprendere quando la propria compagna è quella giusta, la sola possibile con cui condividere la propria esistenza. Molto infatti dipende dal carattere, dai comportamenti, dalla sensibilità individuale, ma alla fine un filo conduttore comune esiste sempre, nel senso che è ciò che si prova in determinate occasioni a fare la differenza. La cosa importante, comunque e sempre, e questo non va mai dimenticato, è che si vada d’accordo, che si condividano le stesse passioni, anche se non tutte, che si abbiano gli stessi sentimenti, anche la stessa educazione di base, la stessa sensibilità, perché così si può esser certi che un legame basato su queste cose non potrà che avere vita lunga, soddisfacente, coinvolgente e appagante. La vita già riserva a volte delle brutte sorprese, è densa di difficoltà, per cui è necessario che il legame tra due persone sia tale da superare ogni avversità.

Questo lo si può ottenere solo se si va completamente d’accordo, perché la famosa promessa che ci si scambia quando ci si sposa, “nella buona e nella cattiva sorte” , in molti casi è solo una frase di circostanza, la si dice perché è parte integrante del rito del matrimonio, ma solitamente non la si tiene nella  giusta considerazione. Alla prova dei fatti, poi, speso accade che ci si dimentica di aver fatto quel giuramento, con tutte le inevitabili conseguenze che questo comporta. Quindi, il legame tra due persone deve andare ben oltre l’attrazione fisica che è certamente importante, ma non sufficiente per garantire una duratura convivenza. Bisognerebbe dare più importanza a tante altre cose, al carattere, alla sensibilità, ai valori morali, a tutte quelle cose che alla fine rendono una persona desiderabile o meno.



Anima gemellaTornare casa dopo una giornata di lavoro dovrebbe voler dire entrare in quella che alla fine è la vita vera, fatta di amore reciproco, condivisione di passioni e sentimenti, disponibilità reciproca e via dicendo, mentre invece molte volte accade proprio il contrario. Si sa quel che si lascia fuori la porta e non si sa quello che si trova tra le mura che dovrebbero essere amiche e che, a volte, si rivelano essere ben altro. Se non si è soddisfatti della vita insieme prima della convivenza, perché semmai vi sono una serie di cose che rendono il rapporto un po’ travagliato, basato su incomprensioni, su modi differenti di vedere la vita stessa, è quanto meno azzardato pensare che la vita insieme possa mettere le cose a posto. Si verificherebbe l’esatto contrario.

Quindi è bene fare le giuste valutazioni prima di decidere per la convivenza, valutare tutti gli aspetti del rapporto e, se non si è del tutto soddisfatti, o se vi sono diversi punti di contrasto, la cosa migliore è lasciar perdere. Gli esempi che seguono tratti da una ricerca di Reddit possono essere indicativi, o meglio, più esaustivi di quanto appena detto.

Quando siamo andati a vivere insieme ed eravamo intenti a togliere i libri dalle scatole utilizzate per effettuare il trasloco, alla fine del lavoro, ho notato che entrambi avevamo una copia del nostro romanzo preferito. È lei, mi sono detto, ho fatto la scelta giusta.

La sera in cui ci siamo conosciuti, ricordo che io ero a spasso, cioè senza lavoro, e lei era oggettivamente troppo bella per me. Quando le dissi la situazione in cui mi trovavo, relativamente al lavoro, lei con un sorriso disse che sarebbe toccato a lei pagare la consumazione quella sera, anche se la stessa era alla mia portata. Ora siamo sposati da 10 anni, abbiamo Moglie idealedue figli e sono io che mi occupo di lei che fa la casalinga.

Due semplici esempi che chiariscono i concetti espressi in precedenza. Infatti non basta solo la bellezza, non è sufficiente esclusivamente l’attrazione fisica. Quello che rende il rapporto solido e duraturo è ciò che si sente dentro, ciò che si è, le cose che si condividono in perfetta sintonia, l’emozionarsi per le stesse cose  e, soprattutto, il rispetto e la comprensione reciproca, sempre.

Leggi anche

Seguici