Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il Cortisone Naturale per curare Diabete, Infiammazioni ed Allergie

Questi elementi naturali hanno il vantaggio, non trascurabile, di essere quasi del tutto privi degli effetti collaterali tipici del cortisone.

di Daniele Lisi

07 Ottobre 2014





Ribes nigrumIl Cortisone Naturale per curare Diabete, Infiammazioni ed Allergie, la soluzione ideale per evitare gli effetti indesiderati tipici del farmaco. Aumento di peso, gonfiore, ipertensione, problemi gastrici, irritabilità, aumento del rischio di diabete, rischio emorragico per coloro che già si sottopongono ad una cura farmacologica antiaggregante, come i pazienti cardiovascolari o coloro che si sono sottoposti da poco tempo ad un intervento di angioplastica, sono tutti effetti indesiderati del cortisone. Questi ultimi pazienti, infatti, devono seguire scrupolosamente una cura farmacologica a base di antiaggreganti proprio per scongiurare una possibile anche se non certamente frequente, occlusione degli stent appena impiantati, tanto è vero che nella terapia che i cardiologi prescrivono a questi pazienti è specificato molto chiaramente che non seguire scrupolosamente la cura significa esporsi ad un rischio addirittura mortale. Il cortisone è un potentissimo antinfiammatorio, per cui aggiunto ad una cura antiaggregante, esporrebbe il paziente ad un eccessivi rischio emorragico, mentre invece il cortisone naturale, quello contenuto in alcune specie vegetali, sembra non avere lo stesso effetto, o per lo meno, non equivalente, per quanto riguarda questo specifico effetto collaterale.

A parte questo problema specifico, va anche detto che il cortisone naturale ha un impatto meno significativo sulla salute. Infatti, il farmaco è anche sconsigliato ai diabetici perché potrebbe innalzare ancora di più la glicemia, con il rischio di complicazioni anche serie, come ad esempio il coma diabetico. Ecco che per questi pazienti critici, ma non solo, il cortisone naturale potrebbe essere la soluzione ideale anche perché gli effetti terapeutici sono praticamente equivalenti. In erboristeria si trovano facilmente gli estratti di alcune piante che altro non sono che cortisone naturale, per cui è abbastanza facile trovare la soluzione per ciascun problema. L’importante, come del resto vale per tutte le cose della vita, è non abusarne perché ogni abuso è dannoso per la salute, quale esso sia.



CurcumaTra quelli naturali troviamo il Ribes Nigrum, il ribes nero, disponibile sia come tintura madre che come estratto delle gemme della pianta. È un antinfiammatorio naturale molto potente ed efficace, che stimola le ghiandole surrenali a rilasciare determinati ormoni molto importanti per combattere le infiammazioni. Ottimo per il mal di gola, aiuta anche in tante altre patologie infiammatorie spesso responsabili anche di sintomatologia dolorosa come , ad esempio, artrosi, dolori reumatici, dolori muscolari.

Altra sostanza naturale dalle eccellenti proprietà antinfiammatorie è la curcumina, presente nella curcuma, ma anche nel curry, la miscela di spezie orientale ormai usata diffusamente anche nella nostra cucina. La curcumina ha anche un effetto antiallergico, per cui il suo utilizzo è particolarmente indicato nei periodi in cui le allergie sono particolarmente fastidiose per colpa della presenza di troppi allergeni nell’aria quali i vari pollini che, per la loro distribuzione differenziata nel tempo, sono una vera tortura per diversi mesi dell’anno. Utilizzare più spesso la curcuma in cucina potrebbe essere senz’altro di aiuto per i soggetti allergici.

Tra gli altri prodotti naturali alternativi al cortisone ve ne è anche uno oggettivamente poco conosciuto, ma dalle eccellenti proprietà. Si tratta dell’estratto vegetale di Cardiospermum Halicacabum, una pianta originaria dell’India, Africa e Sud America, che ha il vantaggio non trascurabile di poter essere applicato anche topicamente, sia in caso di allergie che di pruriti, ma anche in presenza di dolori articolari.

AllergiaQuesti elementi naturali, perfettamente alternativi al cortisone, hanno il vantaggio, come detto in precedenza, di avere un impatto negativo decisamente meno significativo rispetto al farmaco, tra cui aumento di peso, gonfiore, ipertensione, problemi gastrici, irritabilità, aumento del rischio di diabete, rischio emorragico, e altro ancora. Andrebbero quindi presi più seriamente in considerazione, anche se prima di utilizzarli, è sempre meglio consultare il proprio medico curante.

Leggi anche

Seguici