Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il caffè è pericoloso! La ricerca di un ospedale italiano prova che…

Tutto quello che non sai sul caffè viene però scoperto quel qualcosa che non ti aspettavi

di Redazione

11 Settembre 2014





Il caffè è pericoloso! La ricerca di un ospedale italiano prova che…

Il caffè è spesso soggetto a studi e ricerche volti ad evidenziare i suoi possibili effetti positivi, e negativi, per la salute umana.

In base ai dati presentati durante l’European society of cardiology, alcuni scienziati italiani hanno sottolineato che il caffè potrebbe favorire l’insorgenza di diabete di tipo 2. Come riportato anche dall’Ansa, la ricerca è stata svolta presso l’ospedale friulano di San Daniele e ha preso in esame 639 pazienti con un’età compresa fra i 18 ed i 45 anni, affetti da pressione alta.

I soggetti interessati che assumevano più di tre tazze al giorno di caffè erano più della metà, esattamente il 74%; in seguito ad un esame sul genotipo responsabile di metabolizzare la caffeina, è stato evidenziato che il 58% di loro riesce ad assorbirla soltanto con lentezza. Proprio per questo sono maggiormente a rischio di sviluppare una patologia cronica come il diabete alimentare. Infatti, se il processo di metabolizzazione della caffeina prosegue troppo a lungo, nel sangue si innalzano i valori di glucosio.



La ricerca italiana ha sottolineato che il 24% dei pazienti, dopo un arco di tempo di sei anni, ha sviluppato l’iperglicemia, ossia un aumento della glicemia nel sangue. I dati hanno evidenziato che la possibilità di ammalarsi arriva al 34% per chi consuma fino a tre tazze di caffè al giorno. Il rischio diventa ancora più evidente quando il consumo aumenta infatti, bevendo più di tre tazze le possibilità di andare incontro al prediabete salgono fino al Il caffè è pericoloso! La ricerca di un ospedale italiano prova che…68%.

Anche un’altra ricerca italiana ha evidenziato che il caffè può causare problemi di tipo cardiovascolare ed in particolare aritmie. Uno studio dell’Università di Modena e di Reggio Emilia ha messo in relazione il consumo di caffeina con la fibrillazione atriale; i ricercatori hanno concluso che chi beve maggiori quantità di caffè o di bibite che contengono caffeina sono maggiormente soggetti a questo tipo di patologie.

Già in passato, alcuni esperti avevano sostenuto che la caffeina avesse un ruolo importante per quanto riguarda l’ipertensione arteriosa; in linea di massima, per non incorrere in problemi è consigliabile un consumo regolare e mai eccessivo.

Leggi anche

Seguici