Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come capire se c’è qualche problema alla Tiroide dai primi Sintomi

La tiroide è una ghiandola che ricopre un ruolo di fondamentale importanza nella gestione dl metabolismo in quanto produce degli ormoni.

di Daniele Lisi

09 Settembre 2014





TiroideCome capire se c’è qualche problema alla Tiroide dai primi Sintomi, perché se la tiroide non funziona nel modo corretto, potrebbe dare qualche problema in qualche caso anche di non poco conto. La tiroide è una ghiandola che ricopre un ruolo di fondamentale importanza nella gestione del metabolismo in quanto produce degli ormoni e la sua funzionalità dipende dalla quantità prodotta. Se ne produce in eccesso si tratta di ipertiroidismo e, in questo caso, l’organismo tenderà a consumare energia più velocemente del normale; nella condizione opposta, ovvero se ne produce in quantità inferiore alla norma, si parta di ipotiroidismo, e in questo caso l’organismo tenderà a consumare meno energia e quindi, risulterà più difficile riuscire a mantenere il peso forma. I sintomi di un malfunzionamento della tiroide, a prescindere che si tratti di ipotiroidismo o ipertiroidismo, condizioni entrambi anomale, sono diversi e per lo più facilmente riconducibili alla tiroide, tuttavia è sempre meglio verificare la situazione effettuando i nomali controlli ematici che, già da soli, sono in grado evidenziare eventuali problemi. È quindi consigliabile, nel dubbio, rivolgersi al proprio medico che saprà consigliare quali esami effettuare.

Va anche detto che un malfunzionamento della tiroide può essere anche la conseguenza della presenza di qualche nodulo, una eventualità più frequente di quanto si possa pensare, e in questo caso è d’obbligo un controllo strumentale, per verificare l’eventuale presenza di una neoplasia tiroidea. Uno dei sintomi più frequenti è rappresentato dall’oftalmopatia, occhi sporgenti, ovvero la protrusione dei bulbi oculari, per dirla con il termine più appropriato. In questo caso si tratta di ipertiroidismo, condizione in cui il livello degli ormoni prodotti è più elevato del normale, con conseguente maggiore e più rapido consumo di energia da parte dell’organismo.



TiroideLa presenza di un rigonfiamento alla base del collo, detta anche gozzo, sintomo di ipertiroidismo, che può causare dolore di varia intensità, o anche solo fastidio, anche durante la deglutizione, con la tiroide che al tatto si presenta tenera. Si tratta, in questo caso, di una tiroidite, una infiammazione alla tiroide, che va trattata tempestivamente per evitare che possa essere causa di non pochi problemi.

Un altro sintomo di problemi alla tiroide, sintomo che però in questo caso potrebbe anche trarre in inganno perché riconducibile anche ad altri fastidi o patologie è la debolezza muscolare, a volte anche accompagnata da tremore alle mani; in questo casi si tratta di ipertiroidismo mentre se vi è stanchezza e debolezza diffusa, non solo muscolare, si tratta di ipotiroidismo.

La variazione di peso corporeo, come detto anche in precedenza, è un sintomo abbastanza chiaro, soprattutto poi se non in linea con il regime alimentare. Se si perde peso si tratta di ipertiroidismo, mentre se si tende ad ingrassare, nonostante una dieta sana, equilibrata e senza che si ceda a particolari trasgressioni, vuol dire che si tratta di ipotiroidismo, condizione in cui l’organismo brucia meno energie.

La tiroide influenza in maniera significativa anche l’umore, per cui in caso di ansia, nervosismo, agitazione, fatica mentale, fiato corto e aumentata frequenza respiratoria, tachicardia, ipertensione e palpitazioni, si tratta di ipertiroidismo. In caso di depressione e sonnolenza vuol dire che si è in presenza di ipotiroidismo.

Sudorazione eccessiva, insofferenza al caldo, cute calda che tende anche ad arrossarsi, calo della fertilità e del desiderio sessuale sono sintomi di ipertiroidismo. La condizione opposta, ovvero cute fredda, intolleranza Stanchezzaalle base temperature, desiderio di coprirsi anche quando altri invece non lo fanno, vuol dire ipotiroidismo.

L’ipertiroidismo può essere causa di insonnia, sbalzi d’umore, nervosismo, intolleranza, mentre la condizione opposta, ovvero l’ipotiroidismo, può essere causa di difficoltà di concentrazione, lentezza nell’apprendimento, in sostanza la risposta psichica è meno pronta del normale.

Leggi anche

Seguici