Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Giorno Sì o giorno No? Come scoprilo calcolando il tuo Bioritmo

L'importanza del bioritmo ecco come si calcola e cosa è. Scopri i giorni positivi e negativi con facilità

di Redazione

26 Agosto 2014





Nel corso della vita alcune giornate sono favorevoli e positive mentre altre sono complicate,  faticose e, qualche volta, foriere di problemi e difficoltà.

L’alternanza di momenti sì e no è legata ai bioritmi, ossia ai cicli che si alternano durante l’esistenza di ognuno di noi. I bioritmi si suddividono in: ciclo fisico, emozionale ed intellettivo; il primo ha una durata pari a 23 giorni, il secondo pari a 28 giorni ed il terzo pari a 33 giorni. I tre cicli sono strettamente collegati fra loro e questa intersezione determina momenti favorevoli e sfavorevoli, proprio come quelli che siamo abituati a vivere.

Conoscendo il proprio bioritmo è possibile scoprire, in anticipo, quali saranno i giorni negativi e quelli positivi, in modo da potersi organizzare e vivere meglio. In alcune parti del mondo sono utilizzati da sempre e vengono consultati prima di intraprendere decisioni importanti.



Il proprio bioritmo può essere calcolato o rivolgendosi ai professionisti del settore oppure collegandosi ad uno dei tanti siti internet dedicati a questo argomento. Per completare le operazioni è necessario inserire alcuni dati personali come la data di nascita completa; alcuni portali forniscono i risultati di tutti e tre i cicli per i prossimi trenta giorni mentre, altri chiedono di specificare il periodo di interesse. Il risultato è un grafico formato da curve sinusoidali relative al modo in cui si combineranno i tre cicli.

Interpretare il grafico di un bioritmo non è sempre facile infatti, bisogna sapere che i giorni critici non devono essere considerati come nefasti ma, più semplicemente, come momenti delicati. In questi periodi è opportuno essere più prudenti, prestando maggior attenzione alle decisioni prese.

I bioritmi possono essere impiegati anche per conoscere i momenti in cui si andrà più d’accordo con il proprio partner o con gli amici; in questo modo si potranno evitare le giornate no, quelle nelle quali il malumore o la stanchezza prendono il sopravvento portando ad inevitabili malumori.

Leggi anche

Seguici