Questo sito contribuisce
all'audience di

 

9 cose da Sacrificare per essere Felice

Essere felici è possibile, basta accettare la vita per quella che è, basta accontentarsi di ciò che si ha.

di Daniele Lisi

11 Gennaio 2014





FelicitàLa felicità non è per tutti, non tutti riescono ad essere felici, sereni, ma spesso ci si complica la vita con atteggiamenti sbagliati, con abitudini che sarebbe meglio perdere, o anche con alcuni modi di pensare e di essere che alla fine non fanno altro che rendere più tristi. Essere felici è possibile, basta accettare la vita per quella che è, basta accontentarsi di ciò che si ha, delle persone che si frequentano o con le quali si divide la propria esistenza. Certamente è molto più semplice a dirsi che a farsi, ma visto che la felicità non ha prezzo, imparare ad adeguarsi alle circostanze, a ciò che ci accade tutti i giorni, è alla fine dei conti un piccolo sacrificio che, con il passare del tempo, non sarà nemmeno più tale. Ma vediamo quali sono le cose di cui è possibile fare a meno senza eccessivi problemi. Si tratta per lo più di comportamenti, modi di essere, modi di pensare.

Voler avere sempre ragione, voler avere sempre l’ultima parola per cercare di far prevalere le proprie ragioni è spesso motivo di tensione, di stress, ma non solo, perché spesso così facendo  si possono anche far deteriorare dei rapporti, delle amicizie che ci hanno fatto compagnia per tutta la vita. Non ne vale affatto la pena, tanto alla fine ciascuno resterà della propria opinione, con l’aggiunta che ci si sarà inquietati per nulla.

FelicitàVoler trovare per forza un colpevole per tutto ciò che accade è un altro motivo di irritazione, toglie serenità. Alla fine, una volta individuato questo fantomatico colpevole che il più delle volte, invece, risulta essere del tutto innocente, diciamo così, spesso si cominciano a nutrire dei risentimenti verso questa persona, risentimento che  nel tempo continua a crescere determinando anche uno stato di agitazione, nervosismo, irritazione e certamente questo influisce negativamente sulla felicità. Imparare ad accettare le cose che accadono, imparare a farsene una ragione e quindi, quando necessario, anche ad assumersi le proprie responsabilità.



Perdere l’abitudine di lamentarsi per tutto ciò che accade, in sostanza di piangersi addosso, di vedere le cose più nere della realtà. Imparare a pensare in positivo, perché solo così è possibile vedere le cose sotto una luce diversa. Un po’ come il “domani è un altro giorno” della bella Rossella in Via Col Vento.

Non stare sempre a criticare le persone che ci circondano, coloro con cui si hanno rapporti che possono essere di lavoro, amicizia o anche solo conoscenza. Anche se subisce uno sgarbo, questo potrebbe anche essere un fatto fortuito, non voluto. Tutti hanno diritto ad una seconda e anche terza occasione se necessario, per cui abituarsi a dare sempre il giusto valore alle cose, senza prendersela più di tanto.

Voler essere sempre all’altezza delle aspettative degli altri è un altro motivo di infelicità. In effetti, anche senza accorgersene, si usa violenza verso se stessi, perché si cerca di essere diversi da quel che si è. Per lo stesso motivo, a parti invertite, mai pretendere che gli altri si adeguino, mai aspettarsi dagli altri qualcosa che non sono in grado di dare. Vivi e lascia vivere, una frase fatta, ma mai così azzeccata.

Non vivere attaccati al passato. Ciò che è stato è stato, è successo, tanto sia nel bene che nel male  non è possibile tornare indietro, per cui bisogna lasciare da parte i rimpianti, perché non fanno altro che rendere infelici.

Abbandonare le proprie paure, temere il futuro o ciò che potrebbe accadere, avere paura della propria ombra. Cercare di vivere Essere contentiserenamente, senza timori, tanto se una cosa deve accadere accadrà lo stesso, che la si tema o meno.

Non accampare scuse per i propri fallimenti o i propri errori, e questo in tutti gli ambiti. Imparare ad accettarli e a trarne il giusto insegnamento così da non commetterli nuovamente. In definitiva, vivere la vita per quella che è, senza complicazioni e rimpianti, cercando di godere tutti i momenti favorevoli che essa ci riserva. In tutti i casi, se le cose dovessero andar male, domani è sempre un altro giorno.

Leggi anche

Seguici